Breaking News

Pagani – La città ritorna pulita? La perplessità del consigliere D’Amato (FdI)

Sono forti i dubbi di Vincenzo D’Amato, consigliere comunale di minoranza di Fratelli d’Italia, che ci spiega perché c’è carenza di personale per pulire le strade cittadine

Azioni di ordinaria amministrazione come pulire la città, acquisiscono una tale importanza da essere fatti straordinari. Ci sono state tante segnalazioni in rete, essendo il primo cittadino molto social, da parte dei cittadini per evidenziare come alcune strade siano dominate dall’incuria. Ora, però, il sindaco ha preso in mano la situazione facendo pulire molte strade di città.

«Tutte le aree saranno pulite in una settimana» assicura il primo cittadino Raffaele Maria De Prisco. Essendo, però, che i dipendenti scarseggiano per la manutenzione ordinaria, Vincenzo D’Amato, consigliere comunale di minoranza di Fratelli d’Italia, è perplesso: «Con quali fondi pulirà queste strade? Sta facendo affidamento diretto a qualche cooperativa? Sto vedendo gente in strada che non conosco, e poi con quali soldi? Io sull’albo pretorio non ho visto alcuna delibera. Chi lo sta facendo? A noi fa piacere che pulisce la città, però non deve dire che solo la Pagani servizi lo sta facendo. Sta avendo un piacere da qualcuno».

 A seguito della risposta, abbiamo approfittato di fargli ulteriori domande in merito.

Il sindaco più volte ha giustificato la carenza di personale come causa dello stato d’incuria in cui versano le strade, come mai c’è questa difficoltà?

«La società Pagani Servizi s.r.l. ha da dieci anni questo problema. Di recente, in consiglio comunale abbiamo parlato del Piano Economico e Finanziario annualità 2021 delle società partecipate: alla Pagani Servizi s..r.l. sono stati previsti 580.000  euro ma nella vecchia amministrazione Bottone riscuoteva con gli stessi servizi 1.180.000 euro. Allora, io mi chiedo, se prima ci volevano 1.180.000 euro come facciamo adesso con 580.000 euro? Da una verifica fatta è certo che con i 580.000  euro si possono pagare solo gli stipendi dei 22 operai della società in house. Se i dipendenti hanno questo valore, i servizi come vengono svolti? Questo è il risultato perché la città è sporca ed è abbandonata al suo destino».

Tra le vie pulite rientra anche il cimitero che, in precedenza, lei e il consigliere Enza Fezza avete denunciato lo stato d’incuria. Tuttavia, ha inserito una foto che manifesta una certa sporcizia, come mai il luogo non viene pulito bene?

«Una società di Napoli vinse una gara per la pulizia del cimitero e anche per le tumulazioni. Ha dato in subappalto l’attività alla PE.DE.MA Services s.c.s. di Alfonso Marrazzo, il quale bazzica spesso al Comune. Il contratto non viene rispettato perché, sembra, che ci sarebbero dovute essere 8 persone ma ci sono 4 quindi due fanno le pulizie e altre due fanno le tumulazioni. Significa che in un cimitero così ampio ci sono poche persone».

© IL QUOTIDIANO ONLINE – 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Marco Visconti

Classe '92, attualmente risiede a Pagani. All’Università degli Studi di Napoli Federico II, ha conseguito prima la laurea triennale in “Storia” nel 2015 e poi la laurea magistrale in “Scienze Storiche” nel 2017 con voto 110/110 e Lode. Ha partecipato al concorso di letteratura VII Premio internazionale “Giovanni Bertacchi” classificandosi come finalista con la poesia “Vita Nuova”. Ha scritto una intrigante silloge poetica, dedicata alle maschere e ai personaggi carnevaleschi più noti, per la collana poetica “Logos” vol. 25 edita da “Dantebus”. Una sua poesia è stata selezionata dal prestigioso catalogo “Arte in quarantena” organizzato da Paolo Liguori, direttore di TGcom24, e da Salvo Nugnes, curatore d’arte. Un'altra, invece, è stata selezionata per la "Pro Biennale" di Venezia organizzata da Vittorio Sgarbi. È giornalista pubblicista dal 22 luglio 2020 e ha scritto per “Vesuvio Live” e scrive per “Le Cronache” e "In Prima News". Promotore di significativi eventi culturali, tra cui un convegno sul beato Tommaso Maria Fusco realizzato il 1° dicembre 2019 nel Cenacolo di Beato Maria Fusco a Pagani. Attualmente insegna italiano e storia presso le scuole secondarie di secondo grado.

Vedi di più

Bis per Mattarella che resta al Quirinale per il prossimo settennato

Per superare l'impasse degli ultimi sei giorni, il 75% dei componenti del Parlamento riunito in seduta comune ha finalmente deciso. La scelta, alla fine, è ricaduta per la seconda volta su Mattarella: il Presidente uscente è stato rieletto e il suo impegno istituzionale continuerà per un secondo mandato

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?