Breaking News

Pagani, il jazz di Beatrice Valente abbraccia l’orchestra sinfonica del direttore Giulio Marazia all’Auditorium

Grande successo nella serata di sabato 7 maggio al teatro “Sant’Alfonso Maria de’ Liguori” con l’Orchestra Filarmonica Campana e la contrabassista di fama internazionale Beatrice Valente. L’intervista per “Il Quotidiano Online” ai protagonisti di questa serata


«L’obiettivo che ci eravamo posti quando abbiamo pensato di produrre questo concerto era quello di coniugare il linguaggio e le sonorità del jazz a quelle della musica colta e pop» spiega il direttore dell’Orchestra Filarmonica Campana, Giulio Marazia. «Una commistione musicale tra più generi, arrangiati ad hoc per quartetto jazz e orchestra, nei quali i diversi linguaggi (swing, pop, d’autore, blues, funky, lounge) si fondessero in una sorta di jazz sinfonico, che ne è anche il prodotto, sulla linea seguita in passato da George Gershwin e Duke Ellington».

VISCONTI
Maestro Giulio Marazia


Il direttore si mostra speranzoso di replicare il concerto anche in altre località italiane, svelando, inoltre, che «ci sarà una coproduzione nel prossimo autunno con la Prague Philarmonic Orchestra per la produzione “Rock the opera”, uno spettacolo internazionale di rock sinfonico che prende il nome dal suo debutto all’Opera di Stato di Vienna, con protagonisti la guest star Joe Lynn Turner (Deep Purple, Rainbow) e il direttore d’orchestra Friedemann Riehle, Pink Floyd, Deep Purple, Queen, Led Zeppelin e altri mostri sacri del rock rivivranno in chiave sinfonica in questo grande concerto. Tra il 2023 e il 2024, nella scia di una sicura aumentata sensibilità verso il genere del crossover, verranno proposte collaborazioni con alcuni protagonisti della musica italiana contemporanea e d’autore, di cui ovviamente non si svelano ancora i nomi».


La contrabbassista Beatrice Valente descrive, invece, il suo rapporto con la musica jazz: «Il primo obiettivo della musica è quello di comunicare, trasmettere emozioni pure. La musica jazz non è diversa: è una ricerca continua che permette di esprimere un linguaggio sempre nuovo e si basa sullo studio profondo dell’armonia, conservando l’istinto primordiale dell’imprevisto dell’improvvisato, del rischio. La musica non richiede competenze a chi ne usufruisce e a chi l’ascolta, richiede solo l’immersione totale di anima e corpo nel viaggio che si compie ogni volta sul palcoscenico. Il cerchio creativo non finisce mai con l’esecutore, ma ha la necessità vitale di completarsi nell’ascoltatore, che diventa protagonista del momento creativo. Il coinvolgimento delle persone che ho di fronte a me è quella magia che cerco in ogni spettacolo; cerco i loro occhi, cerco di pizzicare le corde delle loro anime».

Beatrice Valente, contrabbasista


Continua Valente: «In ogni luogo del mondo dove ho suonato non ho mai pensato se il pubblico fosse attento o poco attento, ma mi sono sempre imposta come prima regola il desiderio di travolgere tutti con la musica, donando tutta me stessa. Ogni volta che si compie questo dono si realizza il coinvolgimento di tutti, proprio come qui a Pagani. Conserverò e custodirò gelosamente il ricordo della serata al teatro “Sant’Alfonso Maria de’ Liguori”».


Poi conclude: «La fusione dei linguaggi mi ha letteralmente colorato l’anima di tutti i timbri della musica. L’esplosione dell’arcobaleno di suoni che mi ha avvolto come un velluto, che ho percepito tangibile sulla pelle, è proprio il mio vero obiettivo artistico, per questo motivo ringrazio il maestro Marazia che ha subito colto il mio pensiero e che mi ha permesso di immaginare insieme questo spettacolo così particolare».

Orchestra Filarmonica Campana


© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Marco Visconti

Classe '92, attualmente risiede a Pagani. All’Università degli Studi di Napoli Federico II, ha conseguito prima la laurea triennale in “Storia” nel 2015 e poi la laurea magistrale in “Scienze Storiche” nel 2017 con voto 110/110 e Lode. Ha partecipato al concorso di letteratura VII Premio internazionale “Giovanni Bertacchi” classificandosi come finalista con la poesia “Vita Nuova”. Ha scritto una intrigante silloge poetica, dedicata alle maschere e ai personaggi carnevaleschi più noti, per la collana poetica “Logos” vol. 25 edita da “Dantebus”. Una sua poesia è stata selezionata dal prestigioso catalogo “Arte in quarantena” organizzato da Paolo Liguori, direttore di TGcom24, e da Salvo Nugnes, curatore d’arte. Un'altra, invece, è stata selezionata per la "Pro Biennale" di Venezia organizzata da Vittorio Sgarbi. È giornalista pubblicista dal 22 luglio 2020 e ha scritto per “Vesuvio Live” e scrive per “Le Cronache” e "In Prima News". Promotore di significativi eventi culturali, tra cui un convegno sul beato Tommaso Maria Fusco realizzato il 1° dicembre 2019 nel Cenacolo di Beato Maria Fusco a Pagani. Attualmente insegna italiano e storia presso le scuole secondarie di secondo grado.

Vedi di più

Conversazione con Marco Lanzuise, il comico al passo coi tempi con la consapevolezza che son (tristemente) mutati

Comico, cabarettista, attore, conduttore, autore: insomma, il partenopeo Marco Lanzuise è un vero portento, impegnato più che mai ancora oggi tra teatro, cinema, televisione, radio e web.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?