Breaking News

Il vino che ti fa volare

In Nuova Zelanda è nata Invivo Air, la prima compagnia aerea vinicola del mondo

www.invivo.com

Si tratta di un volo A/R in cui il vino è protagonista: a lanciarlo è stata un’azienda vinicola neozelandese. I fondatori Tim Lightbourne e Robin Cameron: hanno noleggiato un aereo da 34 posti appositamente per lanciare questo servizio.


Il volo durerà circa due ore, ma l’intera esperienza offerta dalla compagnia aerea sarà di una giornata, con una visita ai coltivatori Invivo di Central Otago e un soggiorno all’Hilton Queenstown inclusi.

www.invivo.com

Ci saranno alcuni vini gratuiti serviti a bordo, oltre ad alcune bevande analcoliche.
Ci auguriamo che i piloti bevano solo acqua.

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Sergio Claudini

Classe 2000. Dopo aver conseguito la maturità classica al Liceo Classico “G. B. Vico” di Nocera Inferiore, nel 2019 si iscrive alla facoltà di “Scienze dei Beni Culturali”, indirizzo archeologico, all’Università degli Studi di Salerno. L’amore verso l’arte e la bellezza in generale, lo ha spinto fin dai banchi del liceo a coltivare diverse passioni, prime fra tutte la lettura, la scrittura e il teatro. Muove i primi passi nel campo dell’attivismo studentesco, entrando a far parte del collettivo “Nessun Esclus”. Inizia ad occuparsi dell’organizzazione di eventi per sensibilizzare sulla discriminazione di genere, ma anche manifestazioni studentesche e proteste ambientaliste, tra cui quelle organizzate da “Fridays For Future”. Un laboratorio che lo ha condotto verso nuove realtà associative, tra cui, l’associazione “Ridiamo vita al castello”. Coniuga gli impegni scolastici con quelli associativi, cavalcando l’onda di una crescente passione che tuttora lo alimenta e gli dà la grinta necessaria per indignarsi e provare a cambiare alcuni aspetti della realtà che lo circonda. Per lui, i sogni non vanno depositati sottochiave in un cassetto, anzi, devono essere realizzati. Curerà la rubrica “Noi siamo Tempesta: parola ai 2000”

Vedi di più

“Finalmente l’alba”: il Caso Wilma Montesi al Cinema

Claustrofobico continuamente in tensione. Dal bianco e nero al colore, dal film nel film al lungometraggio stesso.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?