Breaking News

Nocera Inferiore, primi profughi ucraini a Piedimonte: chiamata alla partecipazione!

Ucràina o Ucraìna? In questi giorni in molti ci siamo chiesti dove debba essere posizionato l’accento sul nome del Paese che, insieme alla Russia, da giorni è al centro della cronaca mondiale. Qualsiasi sia la risposta a questa domanda, è assai più importante ed urgente porre l’accento sul tema dell’accoglienza, come forse mai è stato fatto prima d’ora, partendo dagli errori commessi.

Anche a Nocera Inferiore sono arrivati i primi profughi ucraini, accolti dalla comunità parrocchiale di San Bartolomeo Apostolo, presso la casa canonica sita nel popoloso quartiere Piedimonte. Si tratta di Viktoria e di suo figlio Oleh, di 17 anni, mentre una giovanissima mamma e il suo bambino di soli 2 anni sono arrivati stamattina.

Vickoria, Padre Michele e Oleh

Oltre ai generi di prima necessità che non tarderanno ad arrivare grazie alla generosità dei nocerini, ugualmente importante sarà accogliere queste famiglie. Non solo beni materiali, ma anche sorrisi e braccia aperte: l’integrazione nel tessuto sociale della città sarà fondamentale per il loro benessere.
Dunque, coetanei, famiglie, fatevi avanti! Viktoria, Oleh e tutti gli altri hanno bisogno di recuperare un briciolo di normalità e di persone con cui passare del tempo e raccontarsi.

Un primo affettuoso benvenuto è stato dato ieri pomeriggio dai bimbi del catechismo parrocchiale e, in serata, dal gruppo dei giovanissimi dell’Azione Cattolica. La responsabile dell’ACR, Patrizia Lamberti, ha organizzato quest’incontro affinché i giovanissimi dell’AC potessero conoscere i nuovi arrivati, infatti, poi dopo c’è stato anche un momento ludico presso il campetto dell’Oratorio “San Domenico Savio” poiché Oleh – oltre ad essere un appassionato di mountain biking – è un talentuoso e promettente calciatore.

Inoltre, nei giorni scorsi, Padre Michele Saraciu ha accompagnato Viktoria e Oleh al Convento di Sant’Andrea, ubicato sulla collina del Parco, e da lì hanno avuto anche l’opportunità di ammirare la bellezza del vicino Castello del Parco, simbolo della nostra città.

Vickoria e Oleh in visita al maniero nocerino

Rispondiamo alla guerra con l’inclusione e l’aggregazione, perché dalle differenze possa svilupparsi la crescita degli uomini e dei territori che essi abitano.
La guerra in Ucraina svela, ancora una volta, le atrocità di cui è capace l’uomo, scagliandosi contro gli innocenti e costringendoli a scappare, a nascondersi, a combattere.
Assodato che “Ucraina” si possa pronunciare in entrambi i modi, accertiamoci in prima persona di pronunciare e praticare la pace, nel nostro piccolo e nelle semplici scelte quotidiane, allontanando e disprezzando con decisione le innumerevoli forme della guerra.

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

Se Morricone è un dono all’Umanità, Tornatore gliel’ha consegnato

Ieri in molte sale cinematografiche d'Italia è tornato a farsi amare il capolavoro documentaristico di Giuseppe Tornatore dedicato al compositore che ha voluto più bene e che ha reso l'Italia celebre in ogni angolo del pianeta: Ennio, da lui diretto nel 2021 e dedicato, appunto, al genio di Morricone.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?