Breaking News

Ante Litteram

“Ante Litteram”
di Marianna Sorrentino

 

Utilizzata nella lingua italiana in qualità di aggettivo, la locuzione avverbiale latina “Ante Litteram” è entrata a far parte del linguaggio quotidiano.
La locuzione latina significa letteralmente “prima della lettera” e fa riferimento all’uso, nelle prime edizioni a stampa, di effettuare una prova prima di incidere la didascalia vera e propria sulla matrice di rame.
In senso figurato, invece, viene utilizzata per definire opere e personalità artistiche e letterarie precorritrici di linee di pensiero successive.
La rubrica “Ante Litteram” nasce dalla volontà di (di)mostare come il Latino ed il Greco antico, ma soprattutto la cultura trasmessa attraverso e grazie queste due splendide lingue, sia attuale.
Esse sono parte del sistema immunitario dell’Occidente, essendo state collante e fissante di quanto di utile e di bello è servito all’Occidente per uno sviluppo armonico, nonostante gli scossoni della storia.
In un viaggio tra etimologie, aneddoti, citazioni e curiosità inerenti il mondo classico, la rubrica si propone come obiettivo quello di incontrare i grandi del passato, confrontarci con loro, scoprire il loro pensiero e ricoprirci.
“Non esistono lingue morte, ma solo cervelli in letargo” (L’ombra del vento – C.R. Zafón)

© IL QUOTIDIANO ONLINE – 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

Il coraggio di Timoclea

Nell'anno 335 a.C. durante la campagna di Alessandro Magno nei Balcani, la ribelle polis greca di Tebe venne saccheggiata e conquistata. In quell'occasione, alcuni Traci, che militavano nell’esercito macedone, penetrarono nella ricca abitazione di Timoclea, donna saggia quanto bella.

Leggi di piu »

La sottile differenza tra “Cornuto” e “Scornacchiato”

Osservando l'affresco raffigurante Mercurio itifallico si comprende immediatamente perché il "curniciello" napoletano rappresenti il dio della prosperità, protettore dal malocchio e dall’invidia.

Leggi di piu »

Ode alla Virgola

Una pausa breve all’interno del periodo: è questo per noi la virgola La parola “virgola” deriva dal latino virgula, “bastoncino”, da cui deriva anche virgultum “germoglio”. Il primo ad utilizzare questo segno d’interpunzione sembra sia stato l’oratore romano Quintiliano, il quale propose nell’Institutio oratoria di sostituire l’obelos, segno diacritico introdotto dai filologi alessandrini, con la virgola, rappresentata come un rametto ricurvo. Come sosteneva anche Giacomo Leopardi, questo segno di interpunzione è necessario per dar luce all’intero periodo in cui si trovi. Ponendola nei nostri periodi, stiamo aggiungendo un virgulto di cura per dare e darci il tempo di respirare, godendo …

Leggi di piu »

Leucosia, Partenope e Ligea: un canto eterno che allieta la Magna Grecia

Esistono luoghi nei quali mito, storia e leggenda si fondono, avendo come cornice panorami capaci di lasciare senza fiato i visitatori

Leggi di piu »

Psyche: metamorfosi di una farfalla

Tra gli insetti la farfalla occupa un posto privilegiato sia per la suggestione derivante dai suoi colori e dalla sua simmetria che per il mistero associato alla sua metamorfosi, aspetto che ha colpito l’uomo fin dall’antichità Sebbene attualmente la farfalla sia considerata metafora di leggerezza, gran parte del suo simbolismo antico è basato sulle metamorfosi che compie: il trapasso dal bruco, simbolo del rozzo e dell’incompiuto, alla crisalide e da questa poi la trasformazione in farfalla. Si attua, in tal modo, una seconda nascita, ma insieme vi è anche un presagio di morte. Il motivo della metamorfosi ha origini antichissime …

Leggi di piu »

Chronos e Kairos: come i Greci percepivano il tempo

Che cos’è il tempo? Questo è il quesito che molti filosofi si sono posti nel corso della loro vita Fin dall’antichità, infatti, l’uomo ha rivolto un’attenzione particolare al trascorrere del Tempo, attratto dal futuro e dalla possibilità di conoscerlo anticipatamente. Il Tempo, nella sua concezione più antica, era visto come l’ordine misurabile del movimento; esso appariva inserito in una visione di tipo ciclico, di origine orientale che vedeva gli eventi ripetersi costantemente. Con l’avvento della tradizione cristiana prevalse, invece, una concezione lineare in cui il tempo era caratterizzato da un inizio ed una fine e legato alla creazione. Mentre nell’attuale …

Leggi di piu »

Gavdos, un paradiso con sedia vista mare

È al largo della costa sud-occidentale di Creta che si trova la piccola isola di Gavdos, il punto più meridionale d'Europa, affascinante destinazione per il suo clima caldo tutto l'anno, le spiagge idilliache e la sua atmosfera tranquilla

Leggi di piu »

Il Palazzo di Cnosso: tra leggenda e realtà

Fiore all’occhiello della splendida civiltà minoica fu il Palazzo di Cnosso che ora è possibile osservare grazie ad importanti opere di ricostruzione e di restauro, poiché il palazzo fu distrutto da un terremoto intorno al 1700 a.C.

Leggi di piu »

All’origine della parola “Passione”

La vita umana è continuamente attraversata da passioni molto diverse tra loro. Le passioni ci pongono in una condizione di dipendenza da fattori esterni e ci impediscono, almeno in parte, di avere il pieno controllo di noi stessi

Leggi di piu »

La Pizia: una figura misteriosa a capo dell’oracolo più famoso dell’antichità

Pizia

La Pizia, la sacerdotessa a capo dell’oracolo, aveva un potere ed una responsabilità enormi per i consigli impartiti ed era pensiero comune che le sue profezie fossero ispirate direttamente dallo spirito del dio Apollo, entrante in contatto con lei.

Leggi di piu »
error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?