Breaking News

Legambiente – Le 5 Vele sventolano sul Cilento

Secondo la guida turistica “Il mare più bello” d’Italia è nella spettacolare provincia di Salerno

Lo scorso 16 maggio, in diretta streaming sui canali social di Legambiente e di Touring Club Italiano è stata presentata l’edizione 2021 de “Il mare più bello”, la guida turistica che annualmente seleziona i comprensori balneari virtuosi in base alla qualità delle acque e all’attenzione per l’ambiente. Quest’anno Legambiente e il Touring hanno individuato 99 comprensori turistici italiani, le località marinare sono state valutate in riferimento ai dati raccolti da Legambiente sulle caratteristiche ambientali e sulla qualità dell’ospitalità. I dati sono stati arricchiti dalle valutazioni espresse dai Circoli territoriali e dall’equipaggio della Goletta Verde. Il giudizio attribuito a ciascun comprensorio va da 5 vele ad 1 vela. I parametri sono divisi in due principali categorie: qualità ambientale e qualità dei servizi ricettivi.

LE 5 VELE del Cilento

Le 5 Vele, in Campania, sventolano solo su due comprensori della provincia di Salerno, nel Cilento: Cilento Antico con i comuni di Pollica-Acciaroli e Pioppi, Castellabate, San Mauro Cilento, Montecorice e la Costa del Mito con i comuni di San Giovanni a Piro-Scario, Camerota, Centola-Palinuro e Pisciotta.

Il comprensorio Cilento Antico inizia da Castellabate e arriva fino a Pioppi, sede del Museo Vivente della Dieta Mediterranea di Ancel Keys. Il comprensorio include l’Area marina protetta Santa Maria di Castellabate.

Il comprensorio Costa del Mito, invece, parte da Marina di Pisciotta ed arriva fino a Scario, frazione balneare del comune di San Giovanni a Piro. All’interno del comprensorio è situata l’Area Marina Protetta Costa degli Infreschi e della Masseta.

LE 4 VELE in Costiera Amalfitana e nell’Isola di Capri

Nella guida “Il mare più bello” sono presenti anche due comprensori campani premiati con le 4 Vele che sventolano nel comprensorio della Costiera Amalfitana con i comuni di Positano, Cetara, Amalfi, Vietri sul Mare, Praiano, Maiori, Minori e Conca dei Marmi e sull’Isola di Capri con i comuni di Anacapri e Capri.

LE 3 VELE

Nella guida di Legambiente sono presenti anche altre località campane. Con 3 vele troviamo Costa di Elea con i comuni di Ascea e Casal Velino, Costa di Poseidonia con i comuni di Agropoli e Capaccio-Paestum, la Penisola sorrentina e l’Area marina protetta Punta Campanella con i comuni di Massa Lubrense, Vico Equense, Sorrento, Meta, S. Agnello, il comprensorio il Regno di Nettuno con le isole di Ischia e Procida e il comune di Bacoli.

LE 2 VELE per il Golfo di Policastro

Due le vele per il Golfo di Policastro con i comuni di Sapri, Vibonati, Ispani e Santa Marina-Policastro.

Esprime soddisfazione per l’esito della guida “Il mare più bello” il presidente di Legambiente Campania.

«Nell’ultimo decennio abbiamo costruito un solido rapporto di collaborazione con le amministrazioni locali e con gli operatori dei territori del litorale del nostro Paese. – sostiene Mariateresa ImparatoAbbiamo accompagnato sindaci, piccoli e grandi imprenditori, associazioni e cittadini lungo percorsi virtuosi per ridurre la quantità di rifiuti, gestire al meglio le aree protette, promuovere l’enogastronomia di qualità e le buone pratiche di fruizione del litorale e così via».

Tutte le realtà presenti nella guida condividono un vocabolario comune, un medesimo orizzonte a cui tendere.

«Le località campane al vertice della nostra classifica sono quelle che avranno più possibilità di vincere le sfide del futuro, quelle in grado cioè di coniugare al meglio le tematiche ambientali con le prospettive di sviluppo economico, che sapranno più di altre cogliere le opportunità che verranno dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e tradurle in occasione di rinascita e rafforzamento del tessuto economico e, soprattutto, di quello sociale. Perché per uscire fuori da questa crisi dovremo essere non solo più forti, ma anche più green».

© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Adriano Maria Guida

Classe '96, ambientalista e attivista civico. Nasce a Roma, la città eterna. Giovane attivista cattolico impegnato nella lotta contro l’inquinamento globale e la tutela dell’ambiente. Studia “Lettere Moderne” presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. Nel 2014 entra a far di “Legambiente”, una delle più importanti associazioni ambientaliste d’Italia. Il suo impegno nel mondo giovanile e nell’associazionismo inizia già nel periodo scolastico. Negli anni del liceo, infatti, ha ricoperto la carica di rappresentante alla Consulta Provinciale degli Studenti di Salerno per l’“IIS Parmenide” di Vallo della Lucania dove ha conseguito il diploma di maturità classica. A dicembre del 2015 ha fondato il Circolo Legambiente “Ancel Keys” Torchiara- Alto Cilento, di cui è Presidente. Attualmente è anche membro del consiglio direttivo di Legambiente Campania e riveste la carica di vicecoordinatore del Coordinamento Provinciale dei Forum dei Giovani della Provincia di Salerno. Il suo motto è "pro veritate adversa diligere" che significa "per amore della verità amare le cose avverse”. Curerà la rubrica “L’Altra Chiesa”

Vedi di più

Piano di Zona S01-1, i lavoratori e sindacati in piazza contro il precariato

Ecco alcuni momenti del presidio organizzato per dire “stop al precariato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?