Breaking News

Quelle ville aristocratiche all’ombra del Vesuvio

Dopo aver raccontato la storia del Miglio d’Oro nel precedente articolo, entriamo virtualmente in alcune delle ville che – lo ricordiamo – sono manutenute e rese visitabili dalla Fondazione Ente Ville Vesuviane

È il portico ellittico affacciato sul mare l’angolo più conosciuto del Miglio d’Oro: si trova a Villa Campolieto, un complesso a pianta quadrata, sviluppato su cinque livelli. La sua costruzione fu commissionata dal Principe Luzio De Sangro, Duca di Casacalenda, prima a Mario Gioffredo, poi a Luigi Vanvitelli, il quale ripropose le forme casertane sullo scalone della villa. Il magnifico panorama di cui si gode dalla villa ercolanense è riportato anche all’interno: un affresco della sala da pranzo ritrae le isole del Golfo di Napoli, ma anche lo stesso De Sangro giocare a carte e, eccezionalmente, il Vanvitelli che osserva col monocolo la volta celeste.

A poca distanza, Villa Favorita si distingue per il parco sul mare di grandi dimensioni. Di proprietà di Leopoldo di Borbone, Principe di Salerno, il parco, che intreccia flora mediterranea ed esotica, conserva ancora la Palazzina del Mosaico, la peschiera e i resti di alcune giostre. Costui, infatti, nei giorni di festa, era solito aprire le porte del proprio giardino al popolo: caroselli, orchestrine e giostrine raccontavano lo splendore della villa e la grande affluenza di cui era teatro nel suo periodo aureo. Il parco, purtroppo, nella sua discesa verso il mare, è oggi attraversato dalla ferrovia.

Villa Campolieto

Prende il nome di Villa delle Ginestre, in onore del poemetto considerato un vero e proprio testamento spirituale dell’autore, l’edificio dove, a Torre del Greco, Giacomo Leopardi trascorse gli ultimi anni della sua vita. Proprio in questa villa seicentesca all’ombra del Vesuvio, negli anni napoletani di Leopardi si creò un fervido movimento culturale, che cullò il poeta di Recanati e ne sostentò, insieme alla salubrità del luogo, la salute.

Villa delle Ginestre

Le immagini e alcune informazioni sono state riprese dal sito: www.villevesuviane.net

© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

Conversazione con Massimiliano Benvenuto, l’attore che insegna ad amare i confini

Massimiliano Benvenuto è un attore, nonché un insegnante di teatro, che ama l'Arte a trecentosessantagradi. Non solo: le sue origini di periferia torinese lo hanno portato ad amare sempre di più quegli ambienti e la sua città, nonostante una formazione e una vita ormai romane a tutti gli effetti.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?