Breaking News

Quel teatro lirico che è il più antico ancora in uso

Nella Giornata Mondiale del Teatro, un omaggio doveroso al Teatro San Carlo di Napoli

Ancor prima de La Scala di Milano e de La Fenice di Venezia, grazie a Re Carlo III di Borbone, nel 1737 vede la luce a pochi passi dai luoghi del potere cittadino il Teatro San Carlo, a cui il sovrano diede il nome. Il progetto dell’architetto Giovanni Antonio Medrano prevedeva un totale di 1379 posti a sedere in una pianta a ferro di cavallo, che ispirò molti dei teatri europei. L’Achille in Sciro di Pietro Metastasio inaugurerà il teatro.

Dopo i primi quattro anni dedicati a una programmazione improntata specialmente sulla danza, come indirizzavano i gusti reali, gli autori più rappresentati furono Niccolò Porpora, Leonardo Vinci, Domenico Sarro e Leonardo Leo.
Creatività e nuove leve non mancarono, grazie ai ben quattro conservatori che la città ospitava: la Scuola Napoletana incanta e incuriosisce anche artisti d’Oltralpe. Importanti musicisti della nuova corrente artistica furono Domenico Cimarosa, a cui è dedicato l’attuale Conservatorio Statale di Avellino, e Giovanni Paisiello, che scrisse nel 1787 l’”Inno Nazionale delle Due Sicilie”.

L’Ottocento fu secolo di grande ascesa per Napoli, grazie anche ai numerosi visitatori portati dal Grand Tour. Con la rinnovata gestione di Domenico Barbaja il Real Teatro diventò anche teatro del popolo e ospitò stagioni dirette da Rossini e Donizetti. Seguirono restauri importanti e, dopo l’incendio del 1816, ancor più importanti ricostruzioni.

Tra i più grandi artisti che hanno calcato le scene di questo Teatro ci sono Niccolò Paganini, Vincenzo Bellini, Giuseppe Verdi; tante voci d’eccezione come Caruso, Pavarotti, Domingo e tanti ballerini di altissimo livello, come anche scenografi, registi e costumisti.

Ma il San Carlo detiene un altro primato che non abbiamo menzionato: nel 1812 era nata proprio tra le sue sale la Scuola di Danza più antica d’Italia.


L’immagine è stata ripresa dal sito www.teatrosancarlo.it.

© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2023 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

La più grande pepita d’oro al mondo, con un peso di 60,82 kg, ha un valore approssimativo di 10 milioni di euro.

La Pepita Canaã, rinominata anche Canaa, detiene il primato della pepita d’oro più pesante attualmente …

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?