Breaking News

A caccia di pianeti extrasolari

Scoprire nuovi pianeti studiando la luce delle stelle in sistemi planetari lontani anni luce

Una domanda alla quale ancora non abbiamo trovato risposta è se siamo soli nell’Universo. Potremmo forse non saperlo mai, eppure nel frattempo la lista di nuovi pianeti scoperti di giorno in giorno (alcuni con caratteristiche simili alla Terra), si allunga sempre di più. Si definiscono esopianeti, o semplicemente pianeti extrasolari, e spesso fanno parte di sistemi planetari distanti da noi centinaia di anni luce. Stando ai dati più recenti, si è superata quota cinquemila in un arco temporale di una trentina d’anni, da quando nel 1992 venne scoperto il primo esopianeta.

Il metodo dei transiti

Scoprire nuovi pianeti, soprattutto tramite osservazione diretta, è un’impresa alquanto ardua. I pianeti non sono corpi che emettono una propria luce, pertanto la debole luce riflessa che emettono viene sovrastata dalla luminosità delle stelle intorno alle quali ruotano. Sono state sviluppate diverse tecniche per la rivelazione indiretta dei pianeti. Una di queste è il metodo dei transiti. Come avviene all’interno del nostro Sistema Solare, anche gli esopianeti ruotano intorno ad una stella. Osservando la scena da una certa distanza, ogni volta che il pianeta transita di fronte alla propria stella, la luminosità diminuisce drasticamente. Un po’ come avviene durante un’eclissi. Studiando la cosiddetta curva di luce, ovvero la luminosità emessa dalla stella nel tempo, è possibile quindi determinare le dimensioni del pianeta extrasolare.

Il fascino di scoprire nuovi mondi

Grazie all’introduzione di strumentazioni sempre più avanzate e precise, le scoperte di esopianeti hanno subito una forte impennata negli ultimi decenni. Sono state introdotte nuove tecniche di rivelazione che hanno così permesso di scoprire l’esistenza di pianeti che ruotano intorno, non solo a stelle simili al nostro Sole, ma anche a nane rosse, giganti, residui stellari e sistemi composti da più stelle (ad esempio i pianeti circumbinari). Le caratteristiche dei pianeti variano sia nella composizione che nel periodo orbitale, passando da poche ore a millenni.

E mentre la lista dei pianeti scoperti annovera sempre nuovi componenti, la caccia a un probabile gemello della Terra rimane ancora aperta.

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Marianna Fusco

Una mente scientifica e un'anima letteraria, affascinata da qualsiasi cosa abbia una storia da raccontare. Curerà la rubrica “Reticoli di Idee”

Vedi di più

Conversazione con Massimiliano Benvenuto, l’attore che insegna ad amare i confini

Massimiliano Benvenuto è un attore, nonché un insegnante di teatro, che ama l'Arte a trecentosessantagradi. Non solo: le sue origini di periferia torinese lo hanno portato ad amare sempre di più quegli ambienti e la sua città, nonostante una formazione e una vita ormai romane a tutti gli effetti.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?