Breaking News

Sport per lo sviluppo e la pace: oggi la giornata celebrativa

Nella Giornata Internazionale dello Sport per lo Sviluppo e la Pace, certamente più nota come Giornata Mondiale dello Sport, si celebrano i valori dell’attività sportiva, intesi come promotori di crescita sostenibile e di pace

La Giornata è stata indetta il 23 agosto del 2013 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite; la data individuata, il 6 aprile di ogni anno, rimanda all’inaugurazione della prima edizione delle Olimpiadi moderne, ad Atene nel 1896.

Intesa a celebrare non solo lo sport agonistico, ma anche e soprattutto quello dilettantistico, il 6 aprile si promuove la pratica sportiva come palestra di valori umani fondamentali, a tutti i livelli e a tutte le età: il rispetto dell’avversario, lo spirito di sacrificio, l’osservanza delle regole, la corretta attività fisica, lo spirito di squadra, la sana competizione. Cooperazione, condivisione e tolleranza sono le parole d’ordine di ogni sportivo che si rispetti.

Lo sport è veicolo di pace già nelle sue remote origini: in Grecia la tregua olimpica sanciva sospensione di tutte le contese pubbliche e private; il tranquillo e corretto svolgimento dei giochi e il pacifico attraversamento dei territori per raggiungere Olimpia da parte di spettatori e atleti erano prioritari rispetto alle attività belliche.
Oggi, la Dichiarazione del Millennio del settembre 2000 contiene anche la tregua olimpica, richiesta anche dal Comitato Olimpico Internazionale (sostenuto dall’ONU) a tutti i Paesi, in occasione dei Giochi Olimpici.

Lo sport è anche veicolo di sviluppo, rinascita e riscatto sociale. Per noi campani sicuramente l’esempio più lampante di quanto ciò sia straordinariamente vero è la vicenda di Irma Testa. Una storia da film, quella di Irma, che dai quartieri di Torre Annunziata, trova il modo di emergere attraverso uno sport: il pugilato. Sarà il maestro Lucio Zurlo a cambiare la sua vita e quella di tanti che letteralmente egli preleva dalla strada per portarli in palestra ad allenarsi, ad imparare la disciplina del pugilato e le regole della vita. A 17 anni Irma è la prima pugile italiana a disputare un’Olimpiade; a Tokyo 2020, invece, vincerà la prima medaglia della storia del pugilato femminile italiano ai Giochi Olimpici.

Irma Testa

Una vita da film, appunto, raccontata nel 2018 nel documentario “Butterfly”.

L’immagine è stata ripresa dal sito www.donne.it.

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

“Pride” e del perché è importante manifestare

Sabato 16 Settembre per la prima volta si terrà il Pride nella cittadina salernitana di …

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?