Breaking News

Quel Battistero che è uno dei più antichi di tutto l’Occidente cristiano

Nel IV secolo Papa Marcello I fonda il borgo di Marcellianum, che da lui stesso prende il nome. Qui, nel suburbio dell’antica città di Cosilinum, oggi Padula, sull’antica via Annia, predispone la costruzione del battistero di San Giovanni in Fonte. Cassiodoro tramanda che in questo luogo evocativo, dedicato già in età pagana presumibilmente al culto della ninfa marina Leucothea, pare si tenesse una fiera in onore di San Cipriano conosciuta in tutto il meridione della penisola. Il celebre monaco di Vivarium, in quanto ministro del re ostrogoto Alarico, riporta anche della costruzione di una vasca lustrale di forma quadrata e di un avvenimento straordinario: l’innalzamento del livello delle acque durante la cerimonia notturna dei battesimi cristiani per immersione.

© Foto di Rosa Elefante

Probabilmente in seguito alle invasioni longobarde oppure a quelle saracene, il borgo viene abbandonato e, sulle rovine del Battistero, viene eretta una chiesa in onore di San Giovanni Battista. Nel 1297 Papa Bonifacio VIII ne assegna la gestione ai Cavalieri di Malta e in epoca rinascimentale il Battistero non sarà più riconosciuto come edificio di culto. I restauri della fine degli anni ‘90 hanno riabilitato una struttura articolata su archi a tutto sesto probabilmente sovrastati originariamente da una cupola, con al centro il fonte battesimale.

Ciò che rimane degli affreschi raffigura i quattro Evangelisti e la Teoria degli Apostoli, rispettivamente databili al X e al XII secolo. Immerso nella natura e a poca distanza dalla Certosa di San Lorenzo, San Giovanni in Fonte consegna ai visitatori, nonostante gli evidenti segni del tempo, la dimostrazione della compenetrazione possibile tra uomo e natura, nel reciproco rispetto delle parti: qui sarà possibile ascoltare il canto degli uccelli al cospetto di un affresco ultracentenario, cullati dal mormorio delle acque.

Si ringraziano per la collaborazione Ilaria Tardugno e il Forum dei Giovani di Padula.

Foto a cura del Forum dei Giovani di Padula.

Per la stesura di questo articolo è stato consultato: Associazione Amici del Cassaro, Padula prima e durante la Certosa. I luoghi, i monumenti e le vicende della sua storia, Lagonegro, Grafiche Zaccara, 1998.

© IL QUOTIDIANO ONLINE – 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

Conversazione con Giulia D’Alessandro e la sua vita carica di racconti e di musica

Cantante, cantautrice, conduttrice, organizzatrice di eventi socio-culturali, docente, musicoterapeuta. In campo musicale vanta oltre 25 anni di attività e numerosi consensi in Italia e all’Estero. Da annoverare i seguenti traguardi: semifinalista nazionale nel 2002 dell’Accademia di Sanremo e nel 2018 semifinalista nazionale di Area Sanremo Tim.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?