Breaking News

La maledizione della fisica statistica

La tragica sorte delle vite degli scienziati che hanno dedicato la loro vita allo studio di questa disciplina scientifica

La Fisica Statistica è un settore della fisica che studia le proprietà generali di un sistema composto da un numero molto grande di particelle. Non è infatti sufficiente studiare come le particelle interagiscono tra di loro in un sistema. Bisogna anche tenere in considerazione che esistono effetti legati alla molteplicità di modi in cui le particelle possono legarsi tra di loro.  E sta proprio qui, nel considerare le diverse variabili in gioco, la difficoltà di studiare questa materia così sfidante intellettualmente. Ci si affida alla statistica e si mettono in campo delle approssimazioni per semplificare il problema, ma alla fine resta comunque una materia non facile.

Sembra inoltre ci sia quasi una sorta di malocchio che aleggia su chiunque si approcci a questa disciplina, rendendo sfortunata e talvolta anche tragica la vita degli scienziati che decidono di dedicare il loro tempo su questa terra allo studio della Fisica Statistica. Come prova basta dare uno sguardo alle biografie dei suoi fondatori: la percentuale di suicidi o tentativi di suicidio salta subito all’occhio. 

Una lunga serie di tragici eventi 

Nel 1850, Robert Mayer, uno dei fondatori della termodinamica, si gettò dalla finestra del terzo piano, probabilmente provato dalla morte dei suoi figli qualche anno prima. Una fine simile toccò anche a Ludwig Boltzmann. Considerato uno dei padri fondatori di questa scienza, era una mente brillante che ha diede grandi contributi alla fisica. Aveva una grande amore per la matematica, tanto che il suo voler ridurre tutto a formule ed enunciati gli valse il soprannome di “terrorista algebrico”. Nel 1906 si impiccò mentre era in vacanza in famiglia vicino Trieste. Sulla sua tomba si può leggere l’equazione che lo ha reso immortale. 

La storia di Fritz Haber, premio Nobel e ricercato di guerra, coinvolge tutta la sua famiglia in una catena di eventi alquanto tragici. Come scienziato era interessato all’uso di gas tossici come armi di distruzioni di massa ma la moglie, contraria alle sue perversioni, si sparò nel giardino di casa nel 1915. Anche i due figli si spararono a vicenda nel 1947. Paul Ehrenfest, invece, ha lasciato grandi contributi alla meccanica statistica oltre che un teorema che porta il suo nome.  Soffriva di depressione, anche a causa della separazione dalla moglie, quando nel 1933 sparò a sua figlia e sé stesso. La causa della morte dello scienziato Gilbert Lewis nel 1946 fu il cianuro che inalò dopo aver scoperto di non aver ottenuto il premio Nobel. Intanto nel 1961 anche Percy Bridgman (uno che invece il premio Nobel lo vinse) si sparò un colpo congedandosi da questa vita e dalla meccanica statistica. 

Cattiva sorte per una ricerca avvincente 

Molte delle tragiche morti e degli eventi non sono strettamente legati alla meccanica statistica in sé. Eppure sembra ci sia una sorta di cattiva sorte per tutti quelli che decidono di dedicare la maggior parte della loro vita a contribuire ad un campo così impegnativo quanto sfidante come quello della meccanica statistica.  Ed è per questo che nel suo libro State of Matter (Stato della Materia, 1975, Dover,  N.Y.), David Goodstein avverte, con un pizzico di ironia, di essere cauti nell’ approcciarsi allo studio di questa disciplina. Studiare il comportamento di qualcosa di microscopico osservando quali siano le proprietà e i modelli che meglio descrivono le interazioni all’interno di un sistema macroscopico è sicuramente una sfida affascinante nel campo della fisica.  

Collage realizzato con immagini prese da it.wikipedia.org

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Marianna Fusco

Una mente scientifica e un'anima letteraria, affascinata da qualsiasi cosa abbia una storia da raccontare. Curerà la rubrica “Reticoli di Idee”

Vedi di più

Angri – Al via “Vinfest” 2021, la 1°edizione della festa del vino

Saranno più di venti le migliori cantine italiane presenti a Vinfest 2021, il festival del vino che si svolgerà ad Angri nei giorni 10 e 11 dicembre 2021.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?