Breaking News

Se ne va Renato Scarpa, il caratterista fine del cinema italiano

Elegante, timido, raffinato: un tocco di classe con umiltà al cinema italiano lo ha dato dagli anni Settanta Renato Scarpa in qualità di caratterista.

Il Riformista

Non solo film ma anche serie televisive, l’attore esordisce nella settima arte nel 1969 in un film dei fratelli Taviani (“Sotto il segno dello scorpione”), ma il primo capolavoro che lo vede partecipe, seppur in un piccolo ruolo, è quella mazzata al pubblico e alla società che si chiama “Un borghese piccolo piccolo” di Mario Monicelli, e con Alberto Sordi (1977).

Nello stesso anno interpreta una parte in “Suspiria” di Dario Argento e due anni dopo ne “Il giocattolo” di Montaldo e con Manfredi, ma raggiunge la sua popolarità negli anni Ottanta, a partire da “Un sacco bello” di Carlo Verdone.

Noi degli 80-90

Apprezzato per la sua simpatia, gli vengono assegnati sempre più ruoli da caratterista fine: piccoli, ma significativi.

Lo ricordiamo tutti, ormai, come Robertino di “Ricomincio da tre” (regia di Massimo Troisi, 1981) o per il ruolo del dottor Cazzaniga in “Così parlò Bellavista” (1984), film di De Crescenzo che lo ha consacrato definitivamente al successo popolare.

Negli anni Novanta è la volta di “Sud” di Salvatores e de “Il postino” di Radford e Troisi, quel capolavoro di poesia e dramma che consente di sintetizzare al meglio un bilancio commovente sull’interprete.

Vesuvio Live

Perché Renato Scarpa, che ha continuato a recitare fino al 2019, ieri sera ci ha lasciato, ma lo ricorderemo sempre come quel felice ibrido di comicità e serietà che lo ha reso professionalmente impeccabile ed umanamente umile.

Dagospia

Fino alla fine!

© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Christian Liguori

Classe '97, studente laureando di “Archeologia e Storia dell'Arte” all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dopo aver conseguito una laurea triennale in “Beni Culturali e Discipline delle Arti e dello Spettacolo” all’Università degli Studi di Salerno, e pubblicato “Paolo Barca e la frantumazione della logica cerebrale umana”, un saggio di cinema sul regista Mogherini, ha maturato esperienze in svariati campi: dalla pubblicazione di articoli per un blog e una redazione online, a quella di filmati su YouTube e pagine Facebook; dalla partecipazione come interprete in spettacoli teatrali e cortometraggi, all’attivismo associativo per la cultura e l’ambiente. Di recente anche conduttore web-televisivo (un tempo radiofonico), è da sempre specializzato in recensioni di film. Curerà la rubrica “Il Cinema secondo Liguori”

Vedi di più

Conversazione con Marco Lanzuise, il comico al passo coi tempi con la consapevolezza che son (tristemente) mutati

Comico, cabarettista, attore, conduttore, autore: insomma, il partenopeo Marco Lanzuise è un vero portento, impegnato più che mai ancora oggi tra teatro, cinema, televisione, radio e web.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?