Breaking News

Vegani dal 1° novembre 1944

Salutisti, ambientalisti o discepoli della moda: le persone che scelgono un’alimentazione vegetale sono in netta crescita. Oggi si celebra il World Vegan Day

Sembra un movimento legato agli ultimi tempi e alle nuove generazioni, eppure il veganismo trae le sue fondamenta quando, per la prima volta, viene costituita una organizzazione vegetariana: siamo in Inghilterra e nel lontano 1847 nasce la Vegetarian Society. È durante la guerra, però, che il movimento vegano vede la luce, partorito dai più “integralisti” tra i vegetariani inglesi, che dal 1945 diffondono le loro convinzioni attraverso la rivista “The Vegan News”, in cui denunciano un olocausto parallelo.

Un vero e proprio movimento culturale, una rivoluzione che rifiuta non solo carne e pesce, ma ogni tipo di derivato animale come fonte di nutrimento per l’uomo. Donald Watson fonda la Vegan Society, una nuova organizzazione che si riconosce, tra le altre cose, nel “principio di emancipazione degli animali dallo sfruttamento umano”.

Sempre in Inghilterra, grazie all’attivista per i diritti degli animali Louise Wallis, nel 1994 nasce la Giornata Mondiale dei Vegani, in occasione delle celebrazioni per i 50 anni della Vegan Society.

Tuttavia, il vero boom della filosofia vegana si avrà nel secondo decennio del nuovo millennio.
In Italia, oggi, coloro che seguono un’alimentazione vegetale superano l’1% della popolazione: essi seguono una dieta plant-based e sostituiscono molti degli ingredienti di derivazione animale con la soia in tutte le sue forme (seitan, latte di soia, tofu).

Non solo vegetariani e vegani: nel panorama delle abitudini alimentari si sono aggiunte con gli anni anche altre tipologie di diete.
I crudisti, ad esempio, si nutrono solo di cibi non cotti, e non trattati, che nelle loro (minime) fasi di lavorazione non abbiano superato i 42°C e che non siano stati conservati a una temperatura inferiore a 1°C. Il fruttarismo, invece, contempla l’assunzione di soli frutti o semi (comprendendo anche cereali o ortaggi, considerati frutti delle rispettive piante). Al vertice di questa trattazione, i melariani, che accettano nella loro alimentazione solo le mele.


Alcune informazioni sono state riprese dal sito www.filosofiavegana.it.
L’immagine è stata ripresa dal sito www.cucinaitaliana.it.

© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

Conversazione con Alan Magnetti, scrittore piemontese sperimentale ed enigmatico

Scrittore, cantautore e youtuber, il piemontese Alan Magnetti ha tanto da raccontare.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?