Breaking News

Donne e Libertà – Recensione di “Thelma & Louise” (Scott, 1991)

Susan Sarandon e Geena Davis di nuovo insieme su una decappottabile. Le due attrici hanno celebrato la scorsa settimana i 30 anni dall’uscita del cult “Thelma & Louise”, che le vide protagoniste indiscusse, partecipando a una serata-evento in un drive-in di Los Angeles.

Mymovies

A volte basta un’immagine, una sequenza iniziale per rivelare capolavori prima ancora di approdare alla loro conclusione.

NoSpoiler

È quanto accade in questo road-movie iniziatore di un filone di film fedeli o parodici, ma comunque debitori verso esso stesso, un film di quel Ridley Scott che è quel regista che si ricorda ingiustamente solo per il successivo “Il gladiatore”, mentre nel 1991 aveva già portato a casa un ottimo risultato come questo.

Due donne ossimoriche fragili e forti si prestano pienamente agli scopi di una regia che costruisce dall’inizio alla fine, e senza schematismi, senza programmaticità, senza stereotipi, senza simboli, una parabola che conduce al fissaggio di una bandiera che è un autentico manifesto del Femminismo: le donne vincono, ma la società resta schifosa, viscida, brutta, marcia, sconfitta.

L’amarezza del lancio nella voragine delle due protagoniste mediante la loro iconica automobile viene mediata dalla bellissima musica e da uno strappo deciso ed inaspettato dell’immagine che fa finire il film con l’auto nell’aria e le due donne ancora vive, perché il senso è simbolico ed è questo: una vittoria della Donna e della sua Libertà, che dopo tanti secoli di lotte non si può fare mai a meno di ribadire, e purtroppo mai si smetterà di continuare a lottare visto che i risultati nel mondo in merito sono ancora molto scarsi a riguardo, seppur passi avanti siano stati fatti (e ci mancherebbe! Ma non basta).

Taxidrivers.it (tra gli attori un giovane e talentuoso Brad Pitt)

Thelma e Louise avevano trovato pace solo osservando la natura in silenzio e insieme. Dunque, pace eterna inevitabile lanciandosi insieme in una voragine naturale profonda, segno finale di un riscatto sociale.

Valutazione: Capolavoro 🌟🌟🌟🌟🌟/🌟🌟🌟🌟🌟

IL QUOTIDIANO ONLINE • 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Christian Liguori

Classe '97, studente laureando di “Archeologia e Storia dell'Arte” all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dopo aver conseguito una laurea triennale in “Beni Culturali e Discipline delle Arti e dello Spettacolo” all’Università degli Studi di Salerno, e pubblicato “Paolo Barca e la frantumazione della logica cerebrale umana”, un saggio di cinema sul regista Mogherini, ha maturato esperienze in svariati campi: dalla pubblicazione di articoli per un blog e una redazione online, a quella di filmati su YouTube e pagine Facebook; dalla partecipazione come interprete in spettacoli teatrali e cortometraggi, all’attivismo associativo per la cultura e l’ambiente. Di recente anche conduttore web-televisivo (un tempo radiofonico), è da sempre specializzato in recensioni di film. Curerà la rubrica “Il Cinema secondo Liguori”

Vedi di più

Conversazione con Marco Lanzuise, il comico al passo coi tempi con la consapevolezza che son (tristemente) mutati

Comico, cabarettista, attore, conduttore, autore: insomma, il partenopeo Marco Lanzuise è un vero portento, impegnato più che mai ancora oggi tra teatro, cinema, televisione, radio e web.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?