Breaking News

“Incastrati”, ovvero: una serie, tutti i film by Ficarra & Picone

Capodanno 2022 c’ha fatto proprio un bel regalo: l’uscita su Netflix della prima serie televisiva (peraltro con originali ed interessanti momenti di “metaserie”) targata Ficarra & Picone, “Incastrati”, e si parla già di sequel a buon ragione.


Come registi ed interpreti principali ne si sentiva davvero la mancanza, e dopo una relativamente lunga assenza a partire da “Il primo Natale” del 2019, sono tornati a mettere di allegria e buonumore il pubblico, sempre in gran forma.


A dire il vero, la recitazione è ottima da parte di tutti (per qualcuno semplicemente buona, ma ognuno è sul pezzo), la colonna sonora ha il sapore intrigante del giallo comico in tensione in chiave parodistica e il montaggio è pressoché perfetto, contando solo circa due bruschi stacchi errati in ben 6 episodi da circa 30 minuti ciascuno.


Ma, al di là di questi aspetti tecnici molto graditi e di una fotografia curatissima tanto limpida quanto chiaroscurata all’occorrenza, cos’hanno creato di speciale qui i due registi-attori?
Per parafrasare il titolo, hanno voluto incastrare, proiettandolo con leggerezza e forza nel loro mondo cinematografico, non solo il pubblico appassionato, ma chiunque si appresti a vederli per la prima volta, o li detesti o non li conosca abbastanza.


Son stati capaci di conferire a 3 ore di girato, scorrevolissime da sembrarne la metà con rammarico, il carattere di enciclopedia dei loro film, tant’è che ci sono proprio (quasi) tutti, per cui ricordiamone qualcuno: la commedia brillante a colpi di gag di “Anche se è amore non si vede” per affondare i colpi nella modernità (“Andiamo a quel Paese”) e nelle ipocrite nefandezze di corruzione e raccomandazione della società italiana odierna (“L’ora legale”), fino alla rievocazione, mediante il mitico solito Sperandeo, de “Il 7 e l’8” per mezzo di un suo flashback e de “La matassa” attraverso l’ironia grottesca sulla mafia.
Tutti questi aspetti s’armonizzano facilmente con efficacia e qualità grazie a loro, ma non dev’essere stato semplice, anzi: il risultato è la straordinaria capacità di bersagliare la realtà socio-politica attraverso il brillante, con sketch dove addirittura citano indirettamente, senza offendere ma con spirito emulativo, Totò e Peppino, e ci riescono!


A proposito di rimandi al grande cinema, due appassionati e conoscitori come loro non potevano non richiamare alla memoria un grande capolavoro come “Full Metal Jacket”, attraverso un simpatico monaco che si comporta parodisticamente come il sergente Hartman con i suoi “inferiori”: anche stavolta ci riescono con fine eleganza!


Si ride tanto, tengono alto e costante il ritmo, calante solo un po’ nell’ultima parte, e confermano tra gli attori di un tempo il grande Leo Gullotta sempre valido.


Tuttavia, specie nella prima parte s’avverte la ripetizione di dejà-vu e schemi già collaudati, e non sono mancate delle situazioni leggermente scontate qua e là nel corso della vicenda.


“Incastrati” è un progetto più ambizioso di quanto possano pensare i “superficiali del comico”, ma proprio per la sua complessità di sintesi enciclopedica ha peccato di tradizione, pur offrendo nuovi spunti.


Considerando il finale ciclico ad effetto anticipatorio di un sequel e che non tutte le loro pellicole siano state portate qui alla ribalta, ci s’aspetta che il progetto continui nella sua ambizione, ma con ancor maggior innovazione.

VOTO: OTTIMO /

Le foto sono state estrapolate da IMDB.com.

© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Christian Liguori

Classe '97, studente laureando di “Archeologia e Storia dell'Arte” all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dopo aver conseguito una laurea triennale in “Beni Culturali e Discipline delle Arti e dello Spettacolo” all’Università degli Studi di Salerno, e pubblicato “Paolo Barca e la frantumazione della logica cerebrale umana”, un saggio di cinema sul regista Mogherini, ha maturato esperienze in svariati campi: dalla pubblicazione di articoli per un blog e una redazione online, a quella di filmati su YouTube e pagine Facebook; dalla partecipazione come interprete in spettacoli teatrali e cortometraggi, all’attivismo associativo per la cultura e l’ambiente. Di recente anche conduttore web-televisivo (un tempo radiofonico), è da sempre specializzato in recensioni di film. Curerà la rubrica “Il Cinema secondo Liguori”

Vedi di più

Conversazione con Massimiliano Benvenuto, l’attore che insegna ad amare i confini

Massimiliano Benvenuto è un attore, nonché un insegnante di teatro, che ama l'Arte a trecentosessantagradi. Non solo: le sue origini di periferia torinese lo hanno portato ad amare sempre di più quegli ambienti e la sua città, nonostante una formazione e una vita ormai romane a tutti gli effetti.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?