Breaking News

Quel tunnel che racconta gli ultimi 200 anni della storia di Napoli

Storia di una città sotterranea da scoprire

Fu con Ferdinando II di Borbone che cominciarono i lavori di quella che poi sarà definita Galleria Borbonica. L’obiettivo era quello di connettere in maniera sicura il Palazzo Reale e Piazza Vittoria, vicino al mare; per le truppe armate sarebbe dovuta essere una scorciatoia per raggiungere agilmente il palazzo in caso di necessità, per i regnanti una via di fuga di semplice percorrenza, visti i rischi corsi durante i moti rivoluzionari del 1848.
Il progetto proposto dall’Architetto Errico Alvino includeva due sensi di marcia, illuminazione a gas del tunnel e addirittura dei marciapiedi laterali: la galleria diretta in zona Chiaia avrebbe dovuto chiamarsi “Strada Regia”, mentre quella in direzione opposta, “Strada Regina”.
Era il 1853 quando cominciarono gli scavi e non tardi si incontrarono diversi intoppi, dovuti a strutture sotterranee preesistenti e alla conformazione del suolo; il progetto subì delle modifiche, i lavori continuarono, ma lo scavo non arrivò mai a Palazzo Reale, né fu mai ultimato.

Fu durante la Seconda Guerra Mondiale che la galleria fu utilizzata, ma con tutt’altra funzione rispetto a quella per cui era stata concepita. Un vero e proprio rifugio antiaereo nacque nei cunicoli progettati da Alvino, dotati di impianto elettrico e di servizi igienici dall’UNPA, l’Unione Nazionale Protezione Antiaerea. Nel percorso di visita si possono ancora vedere brandine e suppellettili usati dai circa diecimila napoletani che scappavano dalla città “visibile”.

Nel periodo post-bellico queste cavità ospitarono il Deposito Giudiziale Comunale fino agli anni Settanta; ecco perché durante le visite è facile trovare materiale o oggetti sequestrati, soprattutto auto o moto, a poca distanza dalle vecchie cisterne scavate nel tufo.
Un tuffo negli ultimo 200 anni della storia di Napoli.

L’immagine e alcune informazioni sono state riprese dal sito www.galleriaborbonica.com.

© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

Swiss regulator finds HSBC in violation of AML rules; FDIC rates Citi’s data management as ‘deficient’

HSBC and Finma Enforcement Proceedings: Finma initiated enforcement proceedings in 2021 against HSBC concerning transactions …

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?