Breaking News

Nocera Inferiore, Festival dell’Attivismo: un evento per unire il mondo delle associazioni

“Da soli siamo forti, insieme siamo invincibili!

È questo lo spirito con il quale si è svolto lo scorso 16 luglio presso il Parco San Pietro nel quartiere Cicalesi a Nocera Inferiore, il 1° “Festival dell’Attivismo”, un evento voluto ed ideato dall’associazione culturale “Cohiba – Casa del Popolo” in collaborazione con la “Polisportiva Ager Nucerinus”: una vera e propria joint venture tra più di venti associazioni che operano in diversi ambiti sul territorio dell’Agro nocerino-sarnese, allo scopo di raccontare il mondo delle associazionismo, festeggiarlo e, soprattutto, unire le persone che, dell’attivismo, ne hanno fatto la propria ragion d’essere.

Alla manifestazione socio-culturale hanno partecipato la maggior parte delle realtà associative chiamate all’adunata, ognuna di esse ha avuto la possibilità di fare interventi, con i quali illustrare il proprio lavoro e la battaglia di punta che stanno portando avanti; oltre a poter allestire degli info-point, stand informativi nei quali poter raccogliere maggiori informazioni, raccontarsi, avvicinarsi ancor di più alla comunità e, magari, riuscire ad appassionare nuove persone verso tematiche come la cultura, l’ambiente, l’ecosostenibilità, la salvaguardia e la tutela e lo sviluppo del territorio.

Alla serata sono intervenuti:

  • il Centro Turistico Giovanile Noukrìa” che si occupa di promuovere e valorizzare le bellezze turistiche e culturali del territorio nocerino;
  • l’associazione culturale no-profit “Il Vermiglio – Cultura, Fantasia & Spettacolo” che organizza convegni, corsi, tavole rotonde, attività ricreative e di animazione, a tema reale o fantastico, allo scopo di diffondere la cultura e la fantasia fra i giovani e non;
  • l’associazione di promozione sociale “LAMIA Cultura” costituista da esperti progettisti che offrono servizi di consulenza marketing e di audience development per la valorizzazione dei territori;
  • la “Bottega “Tutta N’ata Storia” che si occupa di commercio equosolidale;
  • Il comitato “Acqua pubblica Nocera Inferiore” attiva su tutto il territorio dell’Agro e non, contro il monopolio del servizio idrico promuovendone una gestione pubblica integrata con i comitati ed i cittadini;
  • le associazioni di volontariato e di protezione civile “Club Universo” e “Noi con Voi” che, da anni, svolgono attività di protezione civile offrendo aiuto alla cittadinanza nelle situazioni di emergenza e di difficoltà;
  • l’associazione “Impatto eco-sostenibile Zero Waste Campania” con sede a Siano, attiva da diversi anni promuovendo l’educazione ambientale ed iniziative atte a preservare e a proteggere l’ambiente, in particolare del territorio dell’Agro;
  • la “Gioventù Francescana Sant’Antonio”, una fraternità di giovani che, attraverso la lettura del Vangelo e seguendo l’esempio di San Francesco D’Assisi, cerca la strada per la felicità, scegliendo amore e fratellanza;
  • l’organizzazione giovanile no-profit “Sbandieratori e Musici Nocera De’ Pagani”, composta da musici, sbandieratori, armigeri e figuranti, la quale partecipando a rievocazioni storiche, feste patronali ed eventi storico-culturali, preserva e diffonde l’antica arte del “Maneggiar l’insegna”;
  • il circolo locale “Leonia Legambiente Valle del Sarno”;
  • Controcorrente – Per il Sarno che verrà”, associazione no-profit di promozione e sensibilizzazione sociale del disinquinamento del fiume Sarno, il più inquinato d’Europa;
  • Aquamunda – Uniti per il Sarno”, gruppo di cittadini che lotta anch’esso per la tutela del territorio e il disinquinamento del fiume Sarno;
  • Ridiamo Vita al Castello”, associazione culturale e di promozione sociale da anni impegnata per la tutela e la valorizzazione del complesso monumentale Castello del Parco – Palazzo Fienga;
  • Spazio Viola”, giovanissima associazione culturale nata a gennaio 2021 con lo scopo di creare una rete fatta di diverse idee e personalità capace di affrontare diverse tematiche;
  • Bacchanaliafest”, associazione che organizza workshop di diversa natura artistica;
  • Montagna Amica”, organizzazione no-profit che promuove la conoscenza diretta della bellezza dei Monti Lattari attraverso passeggiate escursionistiche;
  • Carbon Negative”, organizzazione di tutela ambientale impegnata contro la diffusione delle particelle di CO2 attraverso la continua piantumazione di alberi;
  • UNA – Associazione Nocera Unica”, associazione che si prefigge di intraprendere e promuovere iniziative burocratiche, culturali e giuridiche, al fine di unificare i Comuni di Nocera Inferiore e Nocera Superiore;
  • LIBERA – presidio di Nocera Inferiore, Jerry Essan Masslo”, organizzazione attiva sin dal ’95 con l’intento di sollecitare la società civile nella lotta contro le mafie.

Il “Festival dell’Attivismo” non è stato solo un momento per chiamare a raccolta le associazioni, unirle, ed affrontare le diverse tematiche che affliggono il nostro tempo, ma anche una serata di aggregazione e di musica; diversi infatti gli artisti che si sono esibiti per poter donare all’evento il giusto mood e la giusta carica; il chitarrista Emanuele Supino, il batterista Claudio D’Angelo, il pianista Luigi De Angelis, il maestro Luca Petrosino, mandolinista presso l’Accademia Mandolinistica Napoletana, Peppe Del Sorbo degli “Integral Buatt’“, Augusto Siciliano alle tammorre, Laura Belvisi cantante, Tony D’Alessio cantante del gruppo rock progressivo italiano “Banco del Mutuo Soccorso”, Simona Tortora, in arte “Moodrama” cantante, Andrea Barone tastierista, hanno contribuito alla splendida riuscita del 1° ”Festival dell’Attivismo” il quale si spera possa ripetersi e crescere di anno in anno, con l’auspicio che il mondo delle associazioni, le persone che ne fanno parte, e le reali problematiche da esse affrontate, acquistino finalmente il giusto lustro e la giusta importanza.

“People have the power!”

Pierpaolo Luigi Senatore

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Il Quotidiano Online

Vedi di più

Conversazione con Massimiliano Benvenuto, l’attore che insegna ad amare i confini

Massimiliano Benvenuto è un attore, nonché un insegnante di teatro, che ama l'Arte a trecentosessantagradi. Non solo: le sue origini di periferia torinese lo hanno portato ad amare sempre di più quegli ambienti e la sua città, nonostante una formazione e una vita ormai romane a tutti gli effetti.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?