Breaking News

Ricorre oggi l’anniversario della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Il 20 novembre è la Giornata Internazionale dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza

Nonostante ancora oggi si combatta contro l’infanzia rubata, il lavoro minorile, i soldati bambini, il primo atto ufficiale che prova a risanare questa piaga risale al 1919: la Convenzione sull’età minima. Poco dopo, nel 1924, la Dichiarazione di Ginevra, o Dichiarazione dei Diritti del Bambino, precede la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, in cui la condizione della donna e del bambino sono particolarmente attenzionate.
La Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo viene approvata all’unanimità dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1959; quarant’anni dopo, il 20 novembre 1989, l’Assemblea approva la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, dopo circa dieci anni di lavori, firmata oggi da ben 196 Stati.
La Convenzione è stata ratificata dall’Italia il 27 Maggio del 1991 con la Legge n. 176.

Il testo è composto da ben 54 articoli che spiegano i diritti dei minori, individuano gli Enti preposti al controllo e alla messa in atto della Convenzione, evidenziano i comportamenti legislativi che gli Stati firmatari sono tenuti ad attuare.

Al documento principale, nel 2000 e nel 2011 si sono aggiunti tre protocolli facoltativi che si riferiscono alla partecipazione dei bambini ai conflitti armati, alla vendita e alla prostituzione dei minori, alle procedure di reclamo che gli stessi minori possono effettuare, qualora vengano meno i loro diritti.

Tuttavia i diritti dei minori in alcuni Paesi del mondo, soprattutto in quelli in via di sviluppo, vengono calpestati ogni giorno. Il diritto alla vita e all’assistenza sanitaria è negato a tanti; troppo spesso minori muoiono in condizioni igienico-sanitarie scarsissime, anche per malattie o virus facilmente curabili. Addirittura ogni anno nel mondo 12 milioni di bambine e ragazze, al di sotto dei 18 anni, vengono date in sposa.

Tra i Paesi che riservano condizioni di vita peggiori ai minori ci sono la Repubblica Centrafricana, il Niger, il Chad, il Mali e il Sudan del Sud.

Alcune informazioni e l’immagine sono state riprese dal sito www.unicef.it.

© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

La più grande pepita d’oro al mondo, con un peso di 60,82 kg, ha un valore approssimativo di 10 milioni di euro.

La Pepita Canaã, rinominata anche Canaa, detiene il primato della pepita d’oro più pesante attualmente …

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?