Breaking News

Quella sorgente che approvvigiona l’acquedotto più lungo d’Europa

Dalle pendici del Monte Paflagone e fino al Mar Tirreno per 64 km, confine naturale alla sua foce tra i Comuni di Capaccio ed Eboli, il Fiume Sele, secondo del Mezzogiorno, dopo il Volturno, per lunghezza, ha da sempre ricoperto un ruolo considerevole nella vita dei popoli che nutriva e dissetava con le sue acque limpide.

Non poche antiche testimonianze raccontano di un fiume che trasformava in pietra tutto ciò che vi si immergesse: in effetti, questo avveniva per l’immissione, in un tratto del fiume, di acque sulfuree e calcaree che favorivano fenomeni di mineralizzazione. 

In ogni caso il Fiume Sele ha continuato a stupire, riuscendo a unire tre regioni d’Italia senza effettivamente accarezzarle tutte col suo letto naturale e a risolvere il problema dell’approvvigionamento idrico nell’arida Puglia. Ma andiamo con ordine.

Tutto inizia a Caposele (dal latino “caput Silaris”, appunto), nella verde Irpinia, dove la scoperta di una stele dedicata al dio romano Silvano, divinità dei boschi e della campagna, mostra un territorio già dall’antichità vicino alla natura e dedito alla convivenza con essa. Il Sele, infatti, provvedette fino agli inizi del Novecento anche al sostentamento economico del territorio: la forza idrica alimentò mulini e gualchiere, fornendo la possibilità di creare un’economia basata sulla lavorazione del grano e della lana.

Attorno al corso d’acqua, il parco fluviale in cui è possibile rilassarsi, passeggiare e rinfrescarsi, accoglie il visitatore e racconta uno dei tanti volti di Caposele. Seguendo il richiamo primigenio dell’acqua, però, non si può non arrivare alla sorgente Sanità, da cui si approvvigiona l’Acquedotto Pugliese: una struttura unica in Europa coi suoi 384 km, accompagnata e seguita per tutto il tragitto dalla ciclovia dell’acqua, un percorso cicloturistico di ben 500 km.

Il primo a proporre la captazione delle acque del Sele a favore della regione del Tavoliere fu, nell’Ottocento, l’Ing. Camillo Rosalba, ma, a causa di ritardi e sospensioni, i lavori cominciarono effettivamente nel 1906, causando lo spostamento di parte dell’abitato caposelese. L’acqua zampillò a Bari per la prima volta il 24 aprile del 1915 e a Santa Maria di Leuca, in provincia di Lecce, nel 1938: l’acquedotto era finalmente terminato.

Oggi a Caposele è possibile visitare, presso Piazza Sanità, le infrastrutture dell’acquedotto con gli impianti di captazione e le chiuse originarie del 1909 ancora funzionanti. Si tratta di una finestra sulla forza, generatrice e potenzialmente distruttrice, dell’acqua (il Sele raggiunge una portata di circa 4000 l/s in media) a rappresentare il vigore della natura che si lascia addestrare dall’intervento dell’uomo che rispetta le sue leggi: l’acqua sgorgata in questo momento arriverà a Santa Maria di Leuca in cinque giorni sfruttando le naturali pendenze e senza dunque l’utilizzo di energia.

Somma, d’uve feconda, allor deserta,
ed Ischia, e Capri che Tiberio ascose,
parve restarsi, e l’umil Cava e l’erta
costa d’Amalfi, e le sue rupi ombrose.
Quivi insieme venía la gente esperta
dal suol ch’abonda di vermiglie rose;
lá ‘ve (come si narra) e rami e fronde
Silaro impètra con mirabil’ onde.

Torquato Tasso

Non perdetevi il prossimo articolo per scoprire altre curiosità su questa deliziosa cittadina irpina.

Le foto sono a cura dell’Assessorato al Turismo del Comune di Caposele.

Alcune informazioni sono state riprese da www.comune.caposele.av.it e da www.visitcaposele.it.
Per informazioni turistiche si consiglia di visitare il sito www.visitcaposele.it.

Si ringraziano per la collaborazione Mirko Castagno e il Forum dei Giovani di Caposele.

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2023 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

La più grande pepita d’oro al mondo, con un peso di 60,82 kg, ha un valore approssimativo di 10 milioni di euro.

La Pepita Canaã, rinominata anche Canaa, detiene il primato della pepita d’oro più pesante attualmente …

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?