Breaking News

Quella città che divenne la cartiera del Sud Italia

L’affascinante storia della carta comincia nel mondo asiatico, in particolare in Cina, nel II d.C.; solo nel 751 il segreto di questa produzione evade dalla terra della seta tramite due cartai che, catturati dagli Arabi, svelarono l’arcano. A Samarcanda fu così installata la prima fabbrica di carta e, attraverso il Marocco, l’uso di questo materiale giunse per la prima volta su suolo europeo, in Spagna. In Italia è una lettera del 1109 della Contessa Adelaide del Vasto degli Aleramici, madre di Ruggero II, il più antico documento cartaceo, di fattura arabica, tuttora conservato a Palermo.

Valle dei Mulini © Foto di Rosa Elefante

Tuttavia, la produzione della carta si avviò ben presto anche in Italia: a Mantova, Fabriano, Amalfi. Tra XII e XIII secolo lungo la Valle dei Mulini, grazie alla possibilità di attingere l’acqua dal Torrente Canneto, vennero impiantati molti opifici e si provvedette a riconvertire i mulini preesistenti in cartiere. Nonostante Federico II nel 1221 ne proibì l’uso per fini pubblici a causa della sua deperibilità, l’economicità della carta rispetto alla pergamena e al papiro ne incentivò nettamente il consumo. Con l’aumento della richiesta si accrebbe ovviamente anche la produzione. Alla fine del XVIII secolo la lavorazione a mano iniziò gradualmente ad essere soppiantata da quella meccanica, ma le cartiere amalfitane, sostenute dai Borbone, resistettero fino all’alluvione del 1954, dalla quale se ne salvarono solo tre.


Nel prossimo articolo scopriremo quali erano le caratteristiche della carta d’Amalfi e cosa si è realmente conservato fino ad oggi.

© IL QUOTIDIANO ONLINE – 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

Conversazione con Giulia D’Alessandro e la sua vita carica di racconti e di musica

Cantante, cantautrice, conduttrice, organizzatrice di eventi socio-culturali, docente, musicoterapeuta. In campo musicale vanta oltre 25 anni di attività e numerosi consensi in Italia e all’Estero. Da annoverare i seguenti traguardi: semifinalista nazionale nel 2002 dell’Accademia di Sanremo e nel 2018 semifinalista nazionale di Area Sanremo Tim.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?