Breaking News

Proteggi le api, proteggi la vita

Il 20 maggio è la Giornata Mondiale delle Api: perché sono così importanti per l’ecosistema e per la vita sulla Terra?

Spesso abbiamo paura di essere punti da un’ape, a volte abbiamo pensato addirittura di ucciderla quando è entrata in casa, ma salvaguardare le api equivale a salvaguardare la vita sulla Terra: è necessario dunque imparare ad amare questi insetti, fondamentali per la nostra sopravvivenza.
Api, coleotteri, farfalle, bombi e tanti altri sono impollinatori, ovvero animali che trasportano il polline da un fiore ad un altro, consentendo il fenomeno dell’impollinazione. Trasferendo il polline dalla parte maschile a quella femminile dell’apparato riproduttivo delle piante che producono semi, gli impollinatori permettono la conseguente formazione del frutto. Questi insetti contribuiscono, con la loro presenza e la loro azione, alla buona produttività dei raccolti per il 75%.

Ma le api non si occupano “solo” dell’impollinazione: si deve ad esse anche la produzione di miele (circa 1,6 milioni di tonnellate prodotti ogni anno), propoli, pappa reale, cera d’api.

La presenza delle api sulla Terra è in continua e preoccupante diminuzione: l’agricoltura di tipo intensivo, caratterizzata dal costante uso di pesticidi e diserbanti, attenta alla sopravvivenza delle api; la scarsa disponibilità di cibo, per la ridotta presenza di piante da cui esse traggono il nutrimento, le ha rese più deboli e più vulnerabili; l’arrivo di nuovi predatori da altre zone del mondo ha messo in seria difficoltà anche gli apicoltori.
Sono per lo più questi i fattori hanno provocato quella che gli esperti chiamano “sindrome di spopolamento degli alveari”.

Ma cosa possiamo fare noi? Piantare, ad esempio, fiori che attirino le api, come le margherite o le calendule; non utilizzare prodotti chimici per la cura delle nostre piante da giardino o da balcone; preparare una ciotola poco profonda con dell’acqua e dei sassolini per dissetare le api di passaggio senza correre il rischio che anneghino.

L’immagine è stata ripresa dal sito www.terranuova.it.

© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2023 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

“Finalmente l’alba”: il Caso Wilma Montesi al Cinema

Claustrofobico continuamente in tensione. Dal bianco e nero al colore, dal film nel film al lungometraggio stesso.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?