Breaking News

A tavola con gli antichi: la Paleodieta

Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei: l’analisi delle ossa per studiare la dieta e le abitudini dei popoli antichi

La curiosità di conoscere cosa mangiavano i nostri antenati ha spinto scienziati e storici a indagare quella che viene comunemente definita Paleodieta, ovvero la dieta alimentare delle popolazioni antiche. Grazie ad analisi di tipo chimico-fisico, è infatti possibile non solo individuare il tipo di alimentazione (vegetariana o mista) ma anche comprendere altri importanti aspetti della loro vita come l’organizzazione sociale e l’economia.
Studiando i resti scheletrici si possono ottenere informazioni anche sulla longevità che è spesso associata a un basso consumo di proteine animali. Un eventuale contatto con popoli di cultura diversa o un cambio nell’economia di un popolo può essere dedotto da un drastico cambiamento del tipo di alimentazione.

Le analisi chimico-fisiche

Gli elementi presenti in natura passano, attraverso il cibo e l’acqua, nelle nostre ossa e nei denti. I denti sono in grado di fornirci informazioni sui primi anni di vita dal momento che si formano nei primi 10-15 anni dell’individuo. Le ossa sono invece informative sugli ultimi anni di vita poiché si modellano di continuo nel tempo. Una componente omogenea tra ossa e denti presume quindi la stanzialità dell’individuo mentre una eterogenea è indice di spostamento.
Le principali metodologie applicate consistono nella determinazione della concentrazione di alcuni elementi, come Stronzio, Zinco e Piombo, presenti nella parte inorganica delle ossa (circa il 80%). Nella parte organica (che rappresenta il 20% ed è formata per lo più da collagene che le rende flessibili e resistenti), invece, viene misurata la frazione di Carbonio 13.

Diete alimentari del passato

Tutti questi elementi fungono da marcatori alimentari. Stronzio e Magnesio indicano una dieta a base di prodotti ittici e vegetali in quanto presenti nelle ossa di erbivori, pesci e molluschi. Zinco e Rame sono invece indice di una dieta a base di carne rossa e latticini. L’analisi del Carbonio 13 per la componente organica risulta essere più precisa dal momento che non presenta contaminazioni e alterazioni dovute al tempo. Il consumo di uno specifico tipo di alimenti può darci informazioni utili anche sul tipo di commercio, sull’organizzazione della società e sullo stile di vita delle popolazioni. Sembra impensabile ma da un singolo pezzo d’osso si può davvero ricostruire un pezzo di storia e cultura di un popolo intero.

Natura morta con frutta. Pittura murale dalla casa di Julia Felix, Pompei, Romano

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Marianna Fusco

Una mente scientifica e un'anima letteraria, affascinata da qualsiasi cosa abbia una storia da raccontare. Curerà la rubrica “Reticoli di Idee”

Vedi di più

Conversazione con Marco Lanzuise, il comico al passo coi tempi con la consapevolezza che son (tristemente) mutati

Comico, cabarettista, attore, conduttore, autore: insomma, il partenopeo Marco Lanzuise è un vero portento, impegnato più che mai ancora oggi tra teatro, cinema, televisione, radio e web.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?