Breaking News

Aspettando il Giorno della Memoria – Cronaca del 26 gennaio a Campagna

Cantando Gam Gam, i piccoli alunni del coro interscolastico diretto dal M° Tiziana Caputo e dal M° Annalisa Santucci accolgono le autorità civili e militari nel chiostro domenicano del Museo Itinerario della Memoria e della Pace. Tra i grembiulini si intravede qualche Stella di Davide gialla; qualche sorriso imbarazzato accompagna le note del brano in ebraico. Si tratta di una canzone scritta da Elie Botbol (1954-2018) che riprende il quarto versetto del testo ebraico del Salmo 23, intonato per tradizione durante lo Shabbat.

Subito dopo, nella Sala Convegni “Padre Piersandro Vanzan”, il Sindaco di Campagna, Biagio Luongo, il Prefetto di Salerno, Francesco Esposito, e il Direttore del Museo, Marcello Naimoli, hanno accolto e salutato gli astanti, prima di dare la parola ai relatori del convegno “Shoah, Memoria e testimonianze”. Quest’anno la tematica è stata affrontata considerando punti di vista diversi dal solito: “La Shoah raccontata dalle donne” è stato l’interessante intervento di Rosa Maria Grillo (Università degli Studi di Salerno); Anna Spera (III circolo Scafati), invece, ha relazionato sulla didattica della Shoah, illustrando come si possa parlare di quest’argomento anche ai bambini più piccoli. Hanno intervallato i contributi, lavori e riflessioni proposti dagli alunni delle quinte dell’IIS Teresa Confalonieri, nonché momenti musicali a cura del M° Daniele Gibboni e del M° Antonio Di Marco. Ha moderato l’incontro Margherita Siani, giornalista de “Il Mattino”. Alla manifestazione era presente una rappresentanza della Questura di Salerno, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza; l’Associazione Nazionale Combattenti e Reduci, l’Associazione Amici del Tricolore e l’Associazione Nazionale Polizia di Stato.

Foto di Rosa Elefante.

© IL QUOTIDIANO ONLINE • 2024 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Rosa Elefante

Studentessa non ancora esaurita, idealista non ancora disillusa, sognatrice non ancora sveglia. Curerà la rubrica “Sentieri, Storie e Territori”

Vedi di più

“Finalmente l’alba”: il Caso Wilma Montesi al Cinema

Claustrofobico continuamente in tensione. Dal bianco e nero al colore, dal film nel film al lungometraggio stesso.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?