Breaking News

Nocera solidale con l’Ucraina invasa

Cittadini, associazioni ed istituzioni si mobilitano, insieme, per esprimere solidarietà e sostegno al popolo ucraino sotto attacco

Ogni giorno ci svegliamo ed apprendiamo notizie diverse e sempre più preoccupanti sulla situazione attuale dei civili in Ucraina. L’ex repubblica sovietica, infatti, a partire dal 24 febbraio di quest’anno è stata stravolta da un vile ed ingiustificato attacco compiuto dall’esercito russo.

Mentre il Cremlino parla di un “operazione speciale”, il mondo intero assiste ad una vera e propria guerra senza sconti di pena per civili, resistenti e per le tantissime famiglie che hanno deciso di non abbandonare la propria casa, i propri affetti, la terra natia, che tanto ha dato loro.

I viveri scarseggiano, così come anche i beni di prima necessità; le farmacie rilasciano medicinali a singhiozzo e le fonti energetiche principali stanno per terminare.

Tutto ciò, a solo una manciata di giorni dai primi bombardamenti che, all’alba del 24, hanno catapultato Kiev, la capitale, in una tragedia immane.

Se da un lato la conta dei morti continua tristemente, dall’altro in tutta Europa è stata avviata una catena di solidarietà ed aiuti senza precedenti, non solo in termini economici, ma soprattutto per il reperimento di cibo, medicinali, materiali di primo soccorso, vestiario e simili.

La città di Nocera Inferiore non si è voltata dall’altra parte, ed interi gruppi di associazioni, cittadini e scuole, accompagnati dai colori della bandiera ucraina che svetta sulla Casa Comunale, hanno manifestato in piazza insieme alla comunità ucraina locale.

Domenica 27 febbraio la Pro Loco “Nocera di tutti” ha organizzato dinnanzi al municipio un flash mob, partecipato ed emozionante, coinvolgendo non solo moltissime persone, ma anche gruppi formali ed informali di cittadini, che di buon grado hanno preso parte alla manifestazione, così come anche l’amministrazione comunale attraverso l’assessorato alle politiche giovanili e culturali della Città di Nocera Inferiore.

A seguire poi, mercoledì 2 marzo, l’associazione di Protezione Civile “Club Universo” è scesa in campo per un’ulteriore iniziativa, in simbiosi non solo con la compagine cittadina attiva sul territorio, ma soprattutto con il gruppo “Noi Mamme di Nocera Inferiore”, grazie al quale è stato posto l’accento anche sulla condizione femminile e le violenze che le donne subiscono quotidianamente, a partire dalla nostra comunità.

Anche le istituzioni scolastiche non restano indifferenti. Il 2° Istituto Comprensivo di Nocera Inferiore promuove l’iniziativa “La scuola per l’Ucraina”, una raccolta di beni di prima necessità organizzata dall’associazione “SOS Italia Medici e Volontari”. Nel frattempo si mobilita anche il 5° Istituto Comprensivo in comune accordo con l’associazione di Protezione Civile “Noi con Voi” per supportare i cittadini ucraini in arrivo in Campania con una raccolta di indumenti e di generi di prima necessità presso il punto raccolta allestito nella sede centrale, in Via Marconi.

Oggi, sabato 5 marzo alle ore 18:00, nella chiesa Cattedrale di San Prisco, il Vescovo della Diocesi Nocera-Sarno officerà una celebrazione eucaristica per la pace. Sarà possibile seguire la santa messa anche in diretta sull’emittente televisiva Telenuova e sui canali social del Mensile Insieme. Al termine della funzione religiosa la comunità ucraina sarebbe scesa in Piazza Cianciullo, senonché il presidio studentesco “Together for Ucraina“, è stato rinviato a causa delle avverse condizioni metereologiche. Gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “G. B. Vico”, infatti, avevano intenzione di donare medicine e generi di prima necessità alla comunità ucraina. Alle ore 19:30 lo storico istituto scolastico sarebbe stato poi illuminato con i colori della bandiera ucraina.

Sempre in questi giorni gli attivisti e le attiviste della “Casa del Popolo-Cohiba” hanno realizzato un’ulteriore raccolta, insieme al negozio di alimentari “Sofia-prodotti tipici dell’Est” sito in C.so V. Emanuele 195, la cui proprietaria poi si occuperà di spedire in Ucraina tutta la merce arrivata attraverso le corriere che partono da qui.

Ulteriore e fondamentale apporto viene dato dalla comunità religiosa locale, è recente la notizia di una raccolta di medicinali ed alimenti, organizzata dai monaci e dall’ “Associazione S. Andrea . . . Laudato sii”. I prodotti donati saranno raccolti sia presso l’omonima struttura conventuale che alla parrocchia San Bartolomeo Apostolo sita in via Federico Ricco, nel popoloso quartiere Piedimonte.

Dona anche tu, fallo consapevole di ciò che serve di più:

  • MEDICINALI: antidolorifici, antibiotici, siringhe, cerotti, garze, deflussori per flebo, alcool, disinfettante, ovatta, creme o unguenti per: abrasioni, scottature, ustioni o escoriazioni.
  • IGIENE: assorbenti, pannoloni, pannolini, guanti, mascherine, intimo e coperte, abbigliamento invernale.
  • ALIMENTARI: solo se in scatola ed a lunga conservazione; tonno, fagioli, latte in polvere per bambini, biscotti, cioccolato fondente, caramelle, caffè, pasta, alimentari per diabetici e celiaci.

Ognuno di noi può e deve fare la sua parte, il dovere è quello di agire da cittadini liberi in uno stato democratico, in quella società civile, di cui ci definiamo figli.

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Sergio Claudini

Classe 2000. Dopo aver conseguito la maturità classica al Liceo Classico “G. B. Vico” di Nocera Inferiore, nel 2019 si iscrive alla facoltà di “Scienze dei Beni Culturali”, indirizzo archeologico, all’Università degli Studi di Salerno. L’amore verso l’arte e la bellezza in generale, lo ha spinto fin dai banchi del liceo a coltivare diverse passioni, prime fra tutte la lettura, la scrittura e il teatro. Muove i primi passi nel campo dell’attivismo studentesco, entrando a far parte del collettivo “Nessun Esclus”. Inizia ad occuparsi dell’organizzazione di eventi per sensibilizzare sulla discriminazione di genere, ma anche manifestazioni studentesche e proteste ambientaliste, tra cui quelle organizzate da “Fridays For Future”. Un laboratorio che lo ha condotto verso nuove realtà associative, tra cui, l’associazione “Ridiamo vita al castello”. Coniuga gli impegni scolastici con quelli associativi, cavalcando l’onda di una crescente passione che tuttora lo alimenta e gli dà la grinta necessaria per indignarsi e provare a cambiare alcuni aspetti della realtà che lo circonda. Per lui, i sogni non vanno depositati sottochiave in un cassetto, anzi, devono essere realizzati. Curerà la rubrica “Noi siamo Tempesta: parola ai 2000”

Vedi di più

Conversazione con Emiliano Masala, attore per caso che con coraggio ha tracciato la strada

Premio Ubu come miglior attore, divenuto interprete di teatro e cinema per caso, Masala porta avanti la sua strada nell'arte con coraggio.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?