Breaking News

“Il cinque maggio”: bicentenario dell’ode di Manzoni in memoria dell’imperatore Napoleone

Duecento anni fa, il 5 maggio 1821, moriva Napoleone Bonaparte (1769-1821) nell’isola di Sant’Elena, dove gli inglesi lo avevano spedito in esilio. Il grande condottiero francese che ha profondamente segnato la storia europea muore, solo, lontano dal vecchio continente che lui aveva sognato di unire sotto la sua egida.

La scomparsa di questo gigante della storia ha ispirato Alessandro Manzoni, che dedicò a Napoleone la celebre ode “Il cinque maggio”. Il componimento manzoniano, con i suoi celebri versi Ei fu, siccome immobile, dato il mortal sospiro, non intende glorificare la figura di Napoleone e muovere pietà per la sua dipartita, ma rappresentare il ruolo salvifico della Grazia Divina, offrendo allo stesso tempo uno spaccato esistenziale della vita di Napoleone. Manzoni scrive l’ode di getto, in soli tre giorni, dopo aver letto le circostanze della scomparsa sulla Gazzetta di Milano del 16 luglio 1821.

Il poeta, scosso dalla tragica ed inaspettata notizia, si immerse in una profonda riflessione di carattere politico ed etico, conclusasi quando apprese della conversione di Napoleone in punto di morte. Manzoni, sinceramente commosso dalla morte cristiana dell’imperatore, compose di getto l’ode con una rapidità inusuale al suo carattere. Alessandro Manzoni, con il suo eccelso lavoro, ha consacrato la data del 5 maggio, rendendo impossibile non ricordare il triste avvenimento. I suoi versi a distanza di due secoli continuano a tormentare milioni di studenti in tutta Italia.

© IL QUOTIDIANO ONLINE – 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Adriano Maria Guida

Classe '96, ambientalista e attivista civico. Nasce a Roma, la città eterna. Giovane attivista cattolico impegnato nella lotta contro l’inquinamento globale e la tutela dell’ambiente. Studia “Lettere Moderne” presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. Nel 2014 entra a far di “Legambiente”, una delle più importanti associazioni ambientaliste d’Italia. Il suo impegno nel mondo giovanile e nell’associazionismo inizia già nel periodo scolastico. Negli anni del liceo, infatti, ha ricoperto la carica di rappresentante alla Consulta Provinciale degli Studenti di Salerno per l’“IIS Parmenide” di Vallo della Lucania dove ha conseguito il diploma di maturità classica. A dicembre del 2015 ha fondato il Circolo Legambiente “Ancel Keys” Torchiara- Alto Cilento, di cui è Presidente. Attualmente è anche membro del consiglio direttivo di Legambiente Campania e riveste la carica di vicecoordinatore del Coordinamento Provinciale dei Forum dei Giovani della Provincia di Salerno. Il suo motto è "pro veritate adversa diligere" che significa "per amore della verità amare le cose avverse”. Curerà la rubrica “L’Altra Chiesa”

Vedi di più

Conversazione con Marco Lanzuise, il comico al passo coi tempi con la consapevolezza che son (tristemente) mutati

Comico, cabarettista, attore, conduttore, autore: insomma, il partenopeo Marco Lanzuise è un vero portento, impegnato più che mai ancora oggi tra teatro, cinema, televisione, radio e web.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?