Breaking News

Francesco Orlando è il “Jeune Talent Grand Est 2021”

L’eccellenza nocerina, classe ’94, con una laurea in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali, è salita sul gradino più alto del podio del “Prix Jeune Talent Grand Est 2021

Il premio, promosso dalla regione francese “Grand Est”, è rivolto a venti giovani under 30 che nell’ultimo anno si sono distinti nella realizzazione di progetti ad ampio respiro sociale, europeo e culturale. Francesco Orlando, sta lavorando con l’associazione “Collectif pour un Service Civique Européen” – che ha sede a Metz, cittadina nel nord-est della Francia – e ha fatto la differenza fra tanti, non solo perché unico italiano, ma soprattutto perché promotore di un recupero della memoria europea, ed ideatore di opportunità, in ambito sociale, per tanti ragazzi.

Infatti, la mission dell’associazione con cui collabora il ventisettenne nocerino è proprio la creazione di un Servizio Civile Europeo che permetta ai tantissimi giovani della Comunità, non solo di spostarsi tra un paese e l’altro, ma soprattutto di maturare esperienze di tipo sociale e culturale.

Favorire la mobilità all’interno dell’Unione Europea, garantire a giovani, diversi tra loro, di vivere esperienze uniche, aprire nuovi scenari e creare possibilità incentrate sui valori di solidarietà ed uguaglianza, tutto questo ha fatto sì che Francesco Orlando, il nostro talentuoso concittadino, a maggio del 2021, gestisse un progetto di Erasmus+, ovvero mobilità europea, con il coinvolgimento attivo di 13 partner in tutta l’Europa, e che avviasse un gemellaggio tra la città francese di Metz e quella italiana di Trento.

Nonostante le difficoltà legate al periodo pandemico e alla lingua diversa, le capacità e competenze maturate su territorio italiano, Nocera Inferiore, hanno consentito a Francesco di superare le avversità con resilienza e spirito propositivo, senza mai perdere di vista l’obiettivo.

Il riconoscimento di questo premio, ufficializzato lo scorso 8 dicembre, è un’ottima occasione, affinché la nostra comunità comprenda quanto i giovani di questa terra, siano risorse inestimabili su cui investire, da tutelare e anche da premiare. È vitale che ad ognuno di loro venga data la possibilità di realizzarsi, inseguire le proprie passioni, come ha fatto Francesco, ed emergere.

Forse non lo sa, ma per le nuove generazione, ragazzi come lui, sono simboli concreti di speranza e forza nel promuovere la realizzazione di una famiglia europea ampia, coesa e solida, sulla quale edificare le fondamenta per un avvenire migliore. Sosteniamo Francesco, sosteniamo questa “meglio gioventù” con tutte le nostre forze.

I suoi occhi tradiscono un mare di emozione, il tepore delle sue parole, tanto tranquille quanto motivazionali, lasciano però spazio ad un pensiero che vuole dedicare a sua madre e suo fratello Mario: “Casa mia mi è mancata, ma almeno quando sono a Metz non devo far scendere il cane”.

Ecco le immagini di alcuni momenti socio-culturali promossi nelle ultime settimane che hanno visto da protagonista la giovane e competente eccellenza nocerina.

Premiazione “Jeune Talent Grand Est 2021” ad Épinal (comune francese nella regione Grand Est)
Intervento alla cerimonia di presentazione dei gruppi di volontari del Servizio Civile Europeo presso la Prefettura di Metz

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Sergio Claudini

Classe 2000. Dopo aver conseguito la maturità classica al Liceo Classico “G. B. Vico” di Nocera Inferiore, nel 2019 si iscrive alla facoltà di “Scienze dei Beni Culturali”, indirizzo archeologico, all’Università degli Studi di Salerno. L’amore verso l’arte e la bellezza in generale, lo ha spinto fin dai banchi del liceo a coltivare diverse passioni, prime fra tutte la lettura, la scrittura e il teatro. Muove i primi passi nel campo dell’attivismo studentesco, entrando a far parte del collettivo “Nessun Esclus”. Inizia ad occuparsi dell’organizzazione di eventi per sensibilizzare sulla discriminazione di genere, ma anche manifestazioni studentesche e proteste ambientaliste, tra cui quelle organizzate da “Fridays For Future”. Un laboratorio che lo ha condotto verso nuove realtà associative, tra cui, l’associazione “Ridiamo vita al castello”. Coniuga gli impegni scolastici con quelli associativi, cavalcando l’onda di una crescente passione che tuttora lo alimenta e gli dà la grinta necessaria per indignarsi e provare a cambiare alcuni aspetti della realtà che lo circonda. Per lui, i sogni non vanno depositati sottochiave in un cassetto, anzi, devono essere realizzati. Curerà la rubrica “Noi siamo Tempesta: parola ai 2000”

Vedi di più

Conversazione con Emiliano Masala, attore per caso che con coraggio ha tracciato la strada

Premio Ubu come miglior attore, divenuto interprete di teatro e cinema per caso, Masala porta avanti la sua strada nell'arte con coraggio.

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?