Breaking News

La realtà ricreata – Recensione di “Basic instinct” (Verhoeven, 1992)

L’abbiamo vista ospite domenica scorsa da Fazio a “Che tempo che fa” sulla Rai, lì l’abbiamo sentita confessare di ricordare ancora qualche parola in italiano: è Sharon Stone, icona indiscussa del cinema americano, divenuta popolare subito dopo aver preso parte come protagonista al cult “Basic instinct“, diretto da Paul Verhoeven nel 1992 e con Michael Douglas, tra i vari.

Il cineocchio.it

Un thriller che ha fatto epoca, a cominciare dai titoli di testa: forme di corpi uniti da amplesso naturale e scomposto in ulteriori forme che compongono quelle, e dunque un erotico riferimento alle tante nude “demoiselles” non solo “d’Avignon”, non solo picassiane, non solo figure femminili.

Adnkronos

Sono un uomo e una donna, infatti, a tenersi stretti e avvinghiati durante l’atto, saranno anche due donne a baciarsi durante il film con quella stessa ed ossessiva morbosità perversa che caratterizza tutti i rapporti sessuali della protagonista bisessuale, la fantastica e bellissima Sharon Stone che qui incarna un’emancipata ed autonoma libertà sessuale che è analoga a quella -sempre costante- bramosia di potere con cui nel sesso schiavizza gli uomini, come in altre circostanze, tra stratagemmi, piani, strategie, parole, fermezza, furbizia, trame, insomma celando disturbi, sofferenze psichiche e disordini ossessivi dietro una perversa e perfetta macchina di ordine e perfezione, che soccombe alla letteratura (stesura di romanzi), ma non si regge se non si realizza in una sorta di dicotomia tra finzione e realtà che induce vittime (e quindi, pure noi spettatori) anche a credere per vere delle bugie, perché persino la macchina della verità le soccombe.

Taxidrivers.it

Nella prima parte si scade qualche volta in ripetizioni, facilitazioni, prevedibilità e volgarità, ma resta il continuo disegno di una mente “malata” di artefare e ricreare la realtà (scomponendola “cubisticamente” per piani) che fa da sfondo ad un lungometraggio ugualmente pazzesco.

Valutazione: Ottimo 🌟🌟🌟🌟/🌟🌟🌟🌟🌟

©️ IL QUOTIDIANO ONLINE – 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Christian Liguori

Classe '97, studente laureando di “Archeologia e Storia dell'Arte” all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dopo aver conseguito una laurea triennale in “Beni Culturali e Discipline delle Arti e dello Spettacolo” all’Università degli Studi di Salerno, e pubblicato “Paolo Barca e la frantumazione della logica cerebrale umana”, un saggio di cinema sul regista Mogherini, ha maturato esperienze in svariati campi: dalla pubblicazione di articoli per un blog e una redazione online, a quella di filmati su YouTube e pagine Facebook; dalla partecipazione come interprete in spettacoli teatrali e cortometraggi, all’attivismo associativo per la cultura e l’ambiente. Di recente anche conduttore web-televisivo (un tempo radiofonico), è da sempre specializzato in recensioni di film. Curerà la rubrica “Il Cinema secondo Liguori”

Vedi di più

Conversazione con Marco Russo, l’artista che invita le nuove generazioni a preoccuparsi

Fortemente convinto che la natura sia dentro di noi, anche se a volte tendiamo a dimenticarla, il cantautore e musicista Marco Russo, catanzarese d’origine che vive attualmente in Campania, sta spopolando su Spotify, i social ed altre piattaforme per il suo nuovo singolo "Non ti preoccupare".

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2022 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?