Breaking News

La vittoria delle “uguali diversità” – Recensione di “Tutto su mia madre” (1999, Almodóvar)

Giugno è stato il mese del Pride, per celebrare l’amore universale e vario in tutto il mondo. Spiace che ci sia ancora il bisogno di ribadirlo in questa società, ma se una mano può darla il cinema tanto di guadagnato!

“Tutto su mia madre” è una pellicola ormai passata alla storia, e non si dimentica nemmeno il suo tocco avanguardistico alle soglie del Terzo Millennio.

Quando il “sopra le righe” riesce a non sganciarsi dalla realtà parliamo del cinema di Pedro Almodóvar.

MY MOVIES

In particolare, però, forse il suo viaggio interiore/esteriore più vitalistico, emozionale e sensazionalistico nello stesso tempo è, appunto, questo melodramma del 1999, che riportò un meritatissimo Oscar come miglior pellicola straniera, e che avrebbe potuto benissimo decretare la vittoria anche della protagonista pazzesca quanto il lungometraggio, e di gran forza, Cecilia Roth: cosa che non avvenne.

Si è avvolti dai colori vivaci (come gli attori e le note della colonna sonora stupenda nel suo spiritualismo sotteso al film) fin dalle prime scene, un preludio per quel travolgimento dei sensi, costante quanto il ritmo della pellicola, che condurrà lo spettatore sino alla fine a restare letteralmente inchiodato allo schermo, scosso dopo il finale e desideroso di ricominciare da capo il film dopo la visione.

ARTOVERCOVERS

Una storia in cui, alle soglie di un Terzo Millennio fatto ancora di razzismo, omofobia e annessi e connessi, l’amore tra due donne, la transessualità, il problema della droga e della prostituzione e l’allora piaga dell’AIDS sono posti sullo stesso piano di tutto, e si mescolano fra loro e con altri aspetti delle diverse vite e dei vari spaccati di realtà di Barcellona, tra centro e periferia, qui descritti.

ANSA.IT

Il regista, così, ci vuole dire che la vita è proprio un incastro armonico e colorato, come i caldi costumi, le luci accese ed una scenografia fatta di specchi dove la tua vita è tale e quale a quella dell’altro, anche se diversa.

Valutazione: Capolavoro 🌟🌟🌟🌟🌟/🌟🌟🌟🌟🌟

© IL QUOTIDIANO ONLINE 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA

di Christian Liguori

Classe '97, studente laureando di “Archeologia e Storia dell'Arte” all’Università degli Studi di Napoli Federico II. Dopo aver conseguito una laurea triennale in “Beni Culturali e Discipline delle Arti e dello Spettacolo” all’Università degli Studi di Salerno, e pubblicato “Paolo Barca e la frantumazione della logica cerebrale umana”, un saggio di cinema sul regista Mogherini, ha maturato esperienze in svariati campi: dalla pubblicazione di articoli per un blog e una redazione online, a quella di filmati su YouTube e pagine Facebook; dalla partecipazione come interprete in spettacoli teatrali e cortometraggi, all’attivismo associativo per la cultura e l’ambiente. Di recente anche conduttore web-televisivo (un tempo radiofonico), è da sempre specializzato in recensioni di film. Curerà la rubrica “Il Cinema secondo Liguori”

Vedi di più

Famiglia e crisi – Recensione di “Lacci” (2020, Luchetti)

Storie attuali e difficili. Bravo a parlare di crisi in famiglia il regista Daniele Luchetti con il suo ultimo film, "Lacci": buona recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: TUTTI I CONTENUTI SONO PROTETTI © IL QUOTIDIANO ONLINE • 2021 RIPRODUZIONE RISERVATA
Inizia chat
1
Il Quotidiano online
Il Quotidiano Online ti dà il benvenuto! 👋
Come possiamo aiutarti?